Sanità: primo incontro per il progetto di riforma

Infermieri 2' di lettura 02/07/2010 -

Collaborazione, confronto e partecipazione nel processo di riforma della sanità regionale. E’ quanto la V commissione consiliare sicurezza sociale, presieduta da Francesco Comi (pd), ha proposto oggi durante il primo incontro con l’assessore Almerino Mezzolani, il dirigente del servizio salute Carmine Ruta e il direttore generale dell’Asur Piero Ciccarelli.



In apertura della seduta il presidente ha ricordato che al centro del processo di rinnovamento legislativo ci sono il nuovo piano socio-sanitario, la riforma della legge 13 (riorganizzazione del servizio sanitario regionale) e della legge 43 (riordino delle politiche sociali), il testo unico sulla sanità e la legge sul volontariato.

L’assessore Mezzolani, dopo aver ringraziato la commissione per l’incontro, ha spiegato che questa fase di avvio dei lavori sarà tesa a completare gli impegni intrapresi nella scorsa legislatura. 'Le priorità saranno una ulteriore qualificazione del sistema e la razionalizzazione delle risorse, soprattutto di questi tempi in cui vengono meno i trasferimenti a livello nazionale' – ha detto Mezzolani, che considera strategico puntare sull’integrazione socio-sanitaria.

'Sulla riforma della legge 43 - ha aggiunto l’assessore - punti di partenza dovranno essere il coinvolgimento e l’ascolto delle proposte '. Il presidente Comi ha chiesto di aprire 'un dibattito ampio, con i tempi giusti, prima di modificare la legge 13, partendo dalla sperimentazione sul territorio'. 'Se serve possiamo impiegare anche un anno intero di lavoro' – ha precisato Comi. Mentre, sempre secondo il presidente, 'occorre un’accelerazione per approvare entro il 2010 un nuovo piano integrato socio-sanitario'.

La V commissione, prima di affrontare i punti all’ordine del giorno, anche su sollecitazione del vice presidente Giancarlao D’Anna (pdl), ha udito alcuni funzionari del servizio salute in merito al Progetto Marche e al presunto danno erariale al centro di un’indagine recentemente apparsa sulla stampa. In particolare sono stati spiegati i casi in cui i farmaci che rientrano nel Progetto vengono forniti in regime di farmaco convenzionato. La commissione, raccolta la documentazione, resta in attesa di conoscere le accuse puntuali nei confronti del servizio e si riserva di seguire attentamente la vicenda, confermando fiducia nella struttura regionale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2010 alle 18:47 sul giornale del 03 luglio 2010 - 687 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, regione marche, riforma sanità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/NN