Fiorello al Del Conero: mi piace il pà cu l'ojo

2' di lettura 26/06/2010 -

L'eliminazione ai mondiali? Colpa del cuoco della Nazionale che ha dato troppa Nutella ai calciatori. I Pooh in crisi per sostituire Stefano D'Orazio? Hanno bisogno di Winnie. L'identità segreta di Zorro? E' Diego Della Valle. Mogol? A 74 gioca nella nazionale cantanti e corre più di Montolivo.
Queste alcune delle verità annunciate da Fiorello, lo showman siciliano che hanno fatto ridere per oltre due ore, initerrottamente, il pubblico accorso in Ancona da tutta la regione.



Erano davvero tanti i marchigiani arrivati al Del Conero venerdì sera e Rosario Fiorello non li ha delusi.
Tante le citazioni alle Marche, dall'apprezzamento per il pà cu l'ojo alla richiesta al pubblico di sapere come chiamiamo nelle Marche i bambini, e la sua poca familiarità con la parola "fioli". Ed "ogni volta - racconta - che un fiolo gli chiede l'autografo è sempre per sua nonna".
Poi il saluto all'anconetano Leo Boldrini, suo vecchio compagni di animazione nei villaggi turistici, senza dimenticare gli accenni alla rivalità tra Ascoli e Ancona.

Fiorello esordisce sul palco in ciabbatte ed accappatoio, simulando un ritardo. "Che vergogna presentarsi in ciabatte nella terra di Diego Della Valle". Dopo un primo monologo il sipario si apre, mostrando una scenografia impressionante. E Fiorello esordisce con un "Allegria!" per ricordare l'amico Mike.

Lo spettacolo è stato un lungo ripercorrere la storia della musica, dagli ani '30 ad oggi. Ogni periodo e tendenza musicale viene rispolverato, analizzato, ridicolizzato ed amato nello steso tempo e suprattutto viene interpretato con la consueta maestria da Fiorello e dal Maestro Cremonesi.
Ogni volta Fiorello lascia cantare qualche parola delle canzoni al pubblico che sempre conosce le parole. Sempre, tranne quando propone le sue canzoni. E così ogni tanto riprova ad accennare la sua "Puoi", ma sempre senza risualtato. Nessuno se la ricorda. E questo diventa il vero tormentone dello show. Per chi era allo spettacolo: qui il testo integrale di "Puoi". Da ripassare.

La scenografia, approfittando di un palco davvero mastodontico, è basata su grandi pannelli semitrasparenti su cui vengono proiettate immagini. Da Fiorello stesso, in ogni salsa, agli interpreti delle canzoni che l'artista reinterpreta sul palco, fino alle ballerine e ai Pooh, di cui Rosario "Winnie" Fiorello vorrebbe entrare a far parte.

Si ride e si canta per oltre due ore. Fiorello è inarrestabile, lancia battute, citazioni, melodie come un fiume in piena. Il pubblico lo segue e lo ama senza riserve. E nel finale tutti a ballare insieme, costretti da una scherzosa minaccia di tre anni di sfiga.
E anche dopo lo spettacolo Fiorello continua a divertire, con un esilarante video che accompagna i titoli di coda.








Questo è un articolo pubblicato il 26-06-2010 alle 01:36 sul giornale del 26 giugno 2010 - 7658 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, spettacoli, stadio del conero, pooh, ignazio la russa, rosario fiorello, enrico cremonesi, zorro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/zH


Fiorello è come un amico di gioventù che incontri dopo molti anni con il quale cominci a ricordare il passato. Gruppi musicali, cantanti, autori, personaggi e spettacoli televisivi. Non è una semplice rassegna di spettacoli del passato (alla "I migliori anni della nostra vita" per intenderci), ma è un volersi "sedere" con te e ricordare insieme le piccole cose che ci avevano più emozionato. Per fare qualche esempio. I telefilm di Zorro con Bernardo, Don Diego, la saetta della colonna sonora che terminva sfumando Zorro, Zorro, Zorro, in compagnia della immancabile Nutella spalmata sulla fetta di pane ti aprono scenari felici di tanto tempo fa che pensavi aver rimosso per sempre. <br />
Fiorello è un cinquantenne il cui mondo mi appartiene e me lo fa apprezzare sempre di più tutte le volte che ne parla.<br />
<br />
Bravo Fiorello, gran bella serata. Grazie.<br />
<br />
Alberto Di Capua

Veramente fantastico lo spettacolo di Fiorello, due ore ininterrotte di risate.<br />
Fiorello è un personaggio unico, lo seguivo spesso per radio in auto quando trasmetteva viva radiodue, riusciva a farmi veramente ridere soprattutto quando improvvisava quelle sit-com telefoniche con il grande Mike.<br />
Un grazie anche alla redazione di Vivere Marche che ci ha dato l'occasione per passare una serata in allegria e ed assistere allo spettacolo.<br />
Grazie di nuovo.<br />
Adriano

Fiorello è strabiliante.....delle risate genuine,autentiche, senza volgarità.... e anche su problematiche reali a volte anche tragiche [moriremo tutti tra 2 anni, allegria....]su cose che ti capitano tutti i giorni...........che meraviglia di spettacolo......<br />
quando dicono che una risata risolve molto di più delle medicine è proprio vero........oggi si stà molto mejo, grazie fiore, ma grazie molto a vivere senigallia per l'opportunità regalataci.....<br />
baci baci

Naturalmente, un forte grazie a Michele per la bella serata che ci ha regalato.

Uno spettacolo fantastico. Mi facevano male i muscoli della faccia da quanto ho riso. GRAZIE!!!!!!! A tutti i Vivere di Oggi e ai Vivere di Domani!!!!!!!!

Uno spettacolo unico!! L'ecletticità di Fiorello si conosce, ed è strabiliante come riesca sempre a coinvolgere il pubblico con ogni parola. Poi due ore e mezza ininterrotte di spettacolo, senza nemmeno un momento di pausa (neanche mentale)... <br />
<br />
E tutte le canzoni che intonava che ricordavano bene o male il passato di tutti... E maledetto cuoco della Nazionale!!!<br />
<br />
Veramente un grazie infinito a Edizioni Vivere che ha permesso di vederlo dal... vivo (dopo tutti gli anni di sfiga che ci ha lanciato contro... speriamo bene)!!

Un grazie di cuore a Vivere Senigallia che mi ha permesso di trascorrere una serata indimenticabile! La proverbiale comicità di Fiorello ha diluito con entusiasmo i propri confini, riuscendo nel compito ardito di confluire nella poesia più pura!Ci ha fatto palpitare di risate ed emozioni senza mai un momento morto, e tutto questo con un'effervescenza e una spavalderia assolutamente garbate, a debita distanza di sicurezza da facili sbavature di volgarità. Grandiosi anche gli arrangiamenti delle canzoni proposte. Ammiravo Fiorello già da tempo, ma non credevo che potesse raggiungere questi livelli artistici! Grazie ancora Vivere!

..hai già detto tutto...<br />
Grazie Michele! ;-)

Devo dire che non sono mai stato un fan scatenato ma da ieri sera anche io sono stato contagiato dalla Fiorellomania..<br />
Dal vivo è una vera e propria forza natura..<br />
Grazie per la bella serata.<br />

Commento modificato il 27 giugno 2010

Fiorello è riuscito a far ridere per un'ora e mezza anche una cinica come me. Grandissimo.

Puoi......... =)<br />
<br />
Spettacolo favoloso! Grazie redazione di viveremarche!!!!<br />

Fantastico, uno spettacolo divertente e con un palco strabiliante, grazie!!!

Fiorello è sempre un grande.. . E' il terzo show dal vivo a cui assisto , da "Stasera Pagate..Voi" , all Teatro alle Cave di Sirolo-Numana alcuni anni fa , passando per "Volevo Fare il Ballerino" , sempre allo Stadio Conero , fino a quest'ultimo di venerdi 25 ...e devo dire che è sempre entusiasmante e coinvolgente e le 2 ore e passa di spettacolo trscorrono molto velocemente(bellissimo il pezzo alla batteria imitando Dodi Battaglia .. "Winnie dei Pooh") ...ringrazio la Redazione di "Vivere Senigallia" che mi ha dato la possibilità di assistere a questo bellissimo Show!!

Semplicemente meraviglioso! E' stato uno spettacolo bello e divertente, due ore e mezza volate sempre con il sorriso in bocca. Fiorello, mai visto dal vivo, devo dire essere un grande One man show; tenere uno spettacolo da solo e senza pause mixando gag e canzoni, coinvolgendo il pubblico in maniera così natuale e spontenea che sembrava essere come un amico con sui scambiare due chiacchere in allegria.<br />
Ringrazio la redazione di Vivere Senigallia per questo regalo e per avermi concesso l'onore di assistere a questo stupendo show!!!<br />
<br />
Enrico Franceschetti




logoEV