Senigallia: evasione fiscale in edilizia, recuperati quasi 3 milioni di euro

edilizia 1' di lettura 22/06/2010 -

Circa tre milioni di euro sono stati recuperati dall'Agenzia delle entrate di Senigallia. A tanto ammonta l'evaso, compiuto da alcune imprese operanti in campo edilizio, tra maggiori imposte Ires, Irap, Iva e sanzioni.



L’evasione fiscale è stata portata alla luce grazie ad una mirata attività di indagine dei funzionari dell’Ufficio, che attraverso una analitica ricostruzione dei ricavi e dei costi di competenza, riferiti a diversi cantieri, hanno contestato costi inesistenti e mancata contabilizzazione dei ricavi per l’anno 2006. Durante i controlli sono state riscontrate numerose anomalie nelle scritture contabili.

In particolare, a insospettire gli ispettori del Fisco, sono state alcune registrazioni sul libro giornale relative a rapporti commerciali intrattenuti con altre imprese edilizie appaltatrici, sottoposte anch’esse ai controlli fiscali. L’attento esame della contabilità ha permesso di determinare il prezzo al metro quadro degli immobili venduti e di confrontarli tra loro. E’ emerso che in molti casi i prezzi erano inferiori non solo a quelli di mercato, ma anche a quelli ricavati dalla banca dati dell’O.M.I. (Osservatorio del Mercato Immobiliare). L’ufficio delle Entrate, attraverso una ricostruzione analitico-induttiva, ha rideterminato i valori “normali” degli immobili venduti e appurato l’esistenza di pagamenti in nero da parte degli acquirenti delle unità immobiliari e, dunque, di ricavi non contabilizzati.

La complessa operazione ha già fatto incassare all’erario circa 650.000 euro da una delle imprese edilizie coinvolte. Per le altre, la Commissione Tributaria Provinciale di competenza ha accolto le richieste di applicazione delle misure cautelari. Questo ha consentito all’ufficio di procedere al sequestro conservativo dei beni delle imprese o, in alternativa, di ottenere il rilascio di una polizza fideiussoria, a garanzia del credito erariale.






Questo è un articolo pubblicato il 22-06-2010 alle 13:12 sul giornale del 23 giugno 2010 - 1022 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/qk


Volemo i nomi.<br />
<br />
Io, se fossi un giornalista, direi all'ufficio stampa dell'agenzia delle entrate che non pubblico niente se non mi vengono dati i nomi.

Come si fa ha pubbicare un articolo cosi e non mettere neanche un nome, non riesco proprio a capirlo.

eh già..però se beccano un ragazzo con mezzo grammo di fumo vengono inseriti nome cognome età

Anonimo

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 23 giugno 2010

vogliamo anche le ricevute dei pagamenti che questi Signori faranno. Se faranno !!!!!!! Troveranno qualche maniera per non pagare.....

Off-topic

Buffo che tutti si arrabbiano, vogliono i nomi, si scandalizzano e chiedono spiegazioni e punizioni...<br />
<br />
Date un'occhiata dove finiscono i vostri soldi:<br />
http://www.agoravox.it/Report-il-boccone-del-prete.html<br />
<br />
Nell'articolo che ho segnalato, che altro non e' se non una trascrizione della puntata di "Report" dello scorso mese, si puo' leggere:<br />
<br />
"Ci sono altri vantaggi fiscali(ALLA CHIESA): ogni anno 500 milioni lo sconto di Ires e Irap, 600 milioni l’elusione fiscale legalizzata del turismo cattolico. <br />
250 milioni per il finanziamento dei grandi eventi. Inoltre il mancato incasso dell’Ici si può stimare fra i 400 e 800 milioni di euro e in sede Europea ci sono cause per concorrenza sleale. Certo è che impossibile fare i conti in tasca alla chiesa, ed è un fatto che nessun popolo cattolico paga così tanto il costo di una religione. C’è da dire però che la chiesa italiana supplisce alle carenze dello stato nell’assistenza ai più poveri e più deboli, una funzione che svolgono soprattutto le parrocchie, poi man mano si sale di grado, la carità si confonde con l’impresa."<br />
<br />
Qui avete, nomi, tipo di evasione che in alcuni casi e' addirittura legalizzata, fatti, circostanze, sistemi truffaldini e quant'altro, E NESSUNO SI SCANDALIZZA!?...NESSUNO SI FA' DOMANDE!?...NESSUNO CHIEDE SPIEGAZIONI E/O PUNIZIONI!?<br />
Chiedete la testa di chi vi fotte 3 milioni nel 2006, e non la chiedete a chi vi fotte 7 MILIARDI DI EURO l'anno.<br />
Sto per morire dalle risate.... :D :D :D




logoEV