Acacia Scarpetti (IdV): il latte marchigiano dal produttore all'azienda artigianale locale

Italia dei Valori 2' di lettura 16/06/2010 -

Il Consigliere regionale dell'Idv, Acacia Scarpetti, ha presentato una mozione in Consiglio regionale per permettere ai produttori di latte di vendere direttamente alle industrie e artigiani locali.



I nostri produttori di latte non possono vendere direttamente il loro prodotto ad utilizzatori artigianali ed industriali locali. A stabilirlo è la delibera, approvata dalla Giunta regionale lo scorso dicembre sull'igiene dei prodotti alimentari che individua linee guida per la fornitura diretta di piccoli quantitativi di prodotti primari. Il Consigliere regionale dell'Italia dei Valori Acacia Scarpetti ha presentato il 9 giugno una mozione in Consiglio regionale per contrastare questo principio che definisce "inopportuno per l'attuale momento di crisi che la regione e il Paese stanno vivendo". "Tutti parlano di filiera corta - afferma Acacia in una nota - di abbattimento dei costi per incentivare consumi e risparmi per le famiglie, valorizzare i prodotti agricoli marchigiani, poi non si attuano quelle procedure che sarebbero capaci di portare nuovo ossigeno all'economia".

La mozione, che è stata sottoscritta anche dai Consiglieri dell'Idv Giorgi e Eusebi, intende impegnare il Presidente Spacca a modificare il regolamento regionale togliendo il concetto di "cessione occasionale" e lasciare la piena possibilità agli agricoltori marchigiani di fornire direttamente i loro prodotti. La delibera approvata dalla Giunta, in attuazione del regolamento Ce 852/2004, individua infatti le linee guida per questa fornitura intendendola come cessione occasionale e su richiesta del consumatore finale o dell'esercente di un esercizio al commercio al dettaglio a condizione però che tale attività sia marginale. Concetto che non comparendo tra le definizioni espressamente previste dal Regolamento Ce va a compromettere la possibilità che hanno i nostri produttori di vendere il loro latte ad utilizzatori locali.

"Questo contrasta - prosegue Acacia Scarpetti - con la possibile ed attuata vendita di latte fresco "crudo" al dettaglio e soprattutto contrasta con tutti gli appelli rivolti alla valorizzazione dei nostri prodotti agricoli. Per ciò chiediamo al Presidente Spacca la modifica del regolamento regionale o in subordine di adoperarsi in sede di Conferenza Stato Regioni affinché siano modificate le linee guida a sua volta individuate."


da Luca Acacia Scarpetti
candidato sindaco IDV





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-06-2010 alle 15:32 sul giornale del 17 giugno 2010 - 736 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, italia dei valori, latte, Luca Acacia Scarpetti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/z