Metropolitana di superficie, inaugurazione della stazione ferroviaria 'Camerano Aspio'

taglio del nastro 1' di lettura 10/06/2010 -

Martedì 15 giugno verrà inaugurata la nuova stazione ferroviaria “Camerano Aspio”, di fronte al piazzale IKEA. Alle ore 11.00 è previsto il taglio del nastro, alla presenza delle autorità regionali, provinciali e comunali.



La realizzazione della nuova fermata rientra nell’ambito del progetto della “Metropolitana di superficie”, avviato nel 1994, con la firma di un accordo di programma tra la Regione Marche, la Provincia di Ancona, 32 Comuni dell’area urbana del capoluogo e Rete ferroviaria italiana.

Il progetto prevede la preliminare integrazione tra autobus e treno lungo la direttrice Jesi-Falconara-Osimo, allo scopo di decongestionare il traffico su gomma nell’area urbana di Ancona. Un obiettivo da conseguire attraverso la realizzazione di tre nuove fermate: Falconara Stadio (in funzione dal 2005), Ancona Stadio (lavori in corso di realizzazione) e Camerano Aspio. Verranno rinforzati anche i “nodi di scambio gomma treno” in corrispondenza delle fermate e adeguate le banchine ferroviarie in otto stazioni (Jesi, Chiaravalle, Falconara, Ancona Centrale, Castelferretti, Palombina, Marzocca; Varano) per agevolare i passeggeri e velocizzare le operazioni di salita e discesa.

Il progetto compie un’ulteriore passo in avanti verso la sua completa realizzazione – commenta l’assessore ai Trasporti, Luigi Viventi – L’operato convergente delle numerose amministrazioni locali interessate ha trasformato un’idea in realtà: incentivare l’utilizzo del mezzo ferroviario per rendere più accessibile il capoluogo regionale e migliorare la qualità di vita dei centri decongestionati dal traffico. Si tratta di proseguire in questa direzione, puntando sullo sviluppo dell’integrazione intermodale come futuro della mobilità urbana ed extraurbana”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-06-2010 alle 18:49 sul giornale del 11 giugno 2010 - 1010 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, taglio del nastro





logoEV