Pesaro: in cassa integrazione continuavano a lavorare

guardia di finanza 1' di lettura 31/05/2010 -

La Guardia di Finanza di Pesaro ha scoperto una truffa ai danni dell'Inps messa in piedi da una azienda del pesarese. Aveva messo alcuni operai in cassa integrazione ma li faceva lavorare comunque.



L'escamotage è stato scoperto dalle fiamme gialle grazie ad una serie di controlli perpetuati nel tempo. La Guardia di Finanza, infatti, da tempo teneva d'occhio l'azienda, monitorando gli operai e gli orari di lavoro. Già dal 2008.

Nelle scorse settimane la scoperta. Dal 2009 la società aveva predisposto per alcuni dipendenti la misura della Cassa Integrazione Guadagni in deroga, ma era solo una copertura. Gli operai infatti continuavano comunque a lavorare. Il rappresentante legale della società e cinque suoi dipendenti sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Pesaro per tentata truffa aggravata ai danni dell’Inps. Non si è consumato il reato di la truffa dato che i contributi non erano ancora stati versati.






Questo è un articolo pubblicato il 31-05-2010 alle 15:12 sul giornale del 01 giugno 2010 - 722 letture

In questo articolo si parla di attualità, riccardo silvi, truffa, pesaro, guardia di finanza, cassa integrazione