Sant\'Elpidio: guerra viola contro Firenze per il patron Della Valle

diego della valle 1' di lettura 21/01/2010 - Guerra “viola” contro il comune di Firenze per il patron della Fiorentina, Diego Della Valle. A puntare il dito contro di lui è Barbara Cavandoli, assessore allo sport del comune di Firenze, fino a martedì scorso, quando con una lunga lettera indirizzata al primo cittadino Matteo Renzi, e divulgata su internet, ha deciso di rassegnare le dimissioni.

Oggetto del contendere è la vicenda della cittadella “viola” dello sport, allo stadio Franchi, per cui la Cavandoli attribuisce le proprie dimissioni all\'atteggiamento tenuto dalla Fiorentina, che non avrebbe rispettato gli accordi presi. Si è iniziato a parlare della querelle la scorsa settimana, al termine della partita Fiorentina-Chievo, in cui Della Valle aveva chiesto le scuse del sindaco Renzi, per un litigio avvenuto tra alcuni rappresentanti della squadra ed un dirigente comunale.


Il sindaco aveva risposto che, anche se non intendeva chiedere scusa, la convenzione sarebbe stata portata a compimento. Poi martedì la lettera divulgata ai giornali della Cavandoli, in cui si dice che la Fiorentina avrebbe scritto un\'altra convenzione “che disattende gli impegni da me presi”. Sul piatto c\'è l\'impegno finanziario della società per la gestione dello stadio Franchi, ma anche la futura realizzazione di un mini centro sportivo ed aspetti di gestione, che non sono andati giù all\'ex assessore.


La Fiorentina in un comunicato si è detta dispiaciuta per le dimissioni della Cavandoli, spiegando che la proposta di convenzione era un punto di partenza. L\'opposizione del Pdl, parla di crisi nella giunta Renzi, mentre il Pd ha spiegato come si tratti di un\'iniziativa autonoma della Cavandoli.






Questo è un articolo pubblicato il 21-01-2010 alle 13:48 sul giornale del 22 gennaio 2010 - 799 letture

In questo articolo si parla di attualità, monia orazi





logoEV