Addio Benny. Muore a 42 anni l\'uomo che pesava 300 chili

2' di lettura 01/12/2009 - La notizia ha fatto rapidamente il giro della città: una morte improvvisa quella di Beniamino Accorroni, spentosi per infarto a soli 42 anni nella notte tra lunedì e martedì. Benny, questo il nome con cui tutti lo ricordano, l\'uomo che si era sottoposto nel 2007 a un intervento presso la clinica Villalba Hospital di Bologna per diminuire la propria massa corporea.

La notizia ha fatto rapidamente il giro della città: una morte improvvisa quella di Beniamino Accorroni, spentosi per infarto a soli 42 anni nella notte tra lunedì e martedì. Benny, questo il nome con cui tutti lo ricordano, l\'uomo che si era sottoposto nel 2007 a un intervento presso la clinica Villalba Hospital di Bologna per diminuire la propria massa corporea: l\'uomo più grasso d\'Italia, così lui stesso si definiva con autoironia, oltre 300 chili che gli limitavano i movimenti, ne minavano la salute e un normale vivere quotidiano.


Tutta Padiglione, la frazione in cui viveva, in quella occasione aveva fatto il tifo per lui: era nato anche un fan club su Facebook che ne seguiva i continui progressi. Riuscito l\'intervento, i chili scivolavano via e i riflettori nazionali si erano accesi nel seguire la vicenda di Benny. Seguirono foto di lui a cavallo: una grande passione mai potuta coltivare per l\'eccessivo peso. Accorroni lavorava come magazziniere nel cantiere navale CNR di Ancona. Per lui cominciava una nuova vita. All\'operazione del 2007 seguirono altre procedure chirurgiche; l\'ultimo intervento la scorsa estate.

Poi, la morte, improvvisa, a spezzare una felicità così duramente conquistata. I funerali si terranno mercoledì 2 dicembre ore 14.15 alla Chiesa Parrocchiale di Padiglione. Lascia il padre Vittorio, la sorella Roberta, il cognato Angelo, il nipote Michele.






Questo è un articolo pubblicato il 01-12-2009 alle 13:08 sul giornale del 02 dicembre 2009 - 1063 letture

In questo articolo si parla di cronaca, osimo, michela sbaffo, padiglione, marche, obesità, bologna, beniamino accorroni





logoEV