Ancona: tratta di esseri umani dalla Nigeria, trenta arresti

carabinieri generico 25/06/2009 - Operazione condotta dai Carabinieri del Ros. Le ragazze costrette in schiavitù.

Smantellata dalla procura distrettuale antimafia di Ancona un\'organizzazione che reclutava ragazze in Nigeria e, dopo averle ridotte in schiavitù, le costrigeva a prostituirsi in Italia. L\'operazione, condotta dai Carabinieri del Ros, ha portato a trenta ordinanze di custodia in Italia, nel paese africano ed in altri stati europei.


Vi sarebbero tra gli indagati anche due medici italiani residenti a Roma che, insieme a due colleghi nigeriani, avrebbero fatto abortire alcune delle giovani africane. Al centro degli accertamenti un\'organizzazione transnazionale di matrice prevalentemente nigeriana dedita allo sfruttamento di giovani connazionali.


Le ragazze venivano reclutate e selezionate nel paese africano anche attraverso book fotografici. Per il viaggio le giovani versavano all\'organizzazione somme tra i 40.000 ed i 60.000 euro. I contratti erano sanciti da riti voodoo. Alle ragazze, imbarcate su aerei diretti in Olanda e Francia, venivano forniti documenti contraffatti. Queste venivano accompagnate da referenti dell\'organizzazzione via terra in Italia. Qui \"madame\" le avviavano alla prostituzione. Un\'altra rotta prevedeva viaggi via terra fino al Marocco e Libia per poi raggiungere l\'Italia e la Spagna su imbarcazioni di fortuna.


In Italia sono state interessate da perquisizioni e controlli le Marche, il Lazio, l\'Emilia Romagna e la Lombardia.







Questo è un articolo pubblicato il 25-06-2009 alle 12:18 sul giornale del 25 giugno 2009 - 778 letture

In questo articolo si parla di cronaca, francesca morici