D\'Anna: Legge sugli oratori, hanno vinto gli oratori

2' di lettura 11/11/2008 - \"Nell’ultima seduta del Consiglio Regionale è stata finalmente votata e approvata la legge che “riconosce la funzione sociale ed educativa svolta dagli oratori” una legge che da tempo viene proposta da più parti e che finalmente ha trovato una sintesi e convergenza\". 

Visto che negli ultimi giorni si registra, come spesso accade in questi casi, una gara per assumersi la paternità e quindi il merito della proposta di legge, ritengo doveroso un evidenziare quanto segue per chiarire ai cittadini e agli interessati la vicenda. Durante questa legislatura, sono state presentate in ordine di tempo le seguenti proposte:


Proposta di legge regionale n. 6 del maggio 2005 dei Consiglieri Viventi, Massi , Lippi “Riconoscimento della funzione sociale ed educativa svolta dagli oratori parrocchiali e valorizzazione del loro ruolo nella Regione Marche”


Proposta di legge regionale n. 84 del febbraio 2006 del Consigliere D’Anna “Riconoscimento della funzione sociale ed educativa degli oratori”


Proposta di legge regionale n. 92 dell’aprile 2006 dei Consiglieri Giannotti, Capponi, Brini, Bugaro, Ceroni, Cesaroni, Santori, Tiberi “Azioni di sostegno e valorizzazione della funzione sociale ed educativa svolta dagli oratori marchigiani


Proposta di legge regionale n.219 del gennaio 2008-11-10 ad iniziativa della Giunta Regionale Da un’attenta analisi delle proposte di legge- è possibile consultarle sul sito della Regione Marche- è chiaro che non ci sono grosse differenze tra le diverse proposte.



Risulta evidente, dopo aver letto il testo finale proposto in Consiglio Regionale che la Proposta della Giunta regionale, arrivata tre anni dopo la prima proposta dell’opposizione, recepisce buona parte delle proposte della minoranza. L’importante è che la legge è finalmente stata approvata, anche se c’è un’aspetto burocratico -il passaggio delle risorse ai comuni e non direttamente agli oratori delle risorse economiche- che poteva essere rimosso se due consiglieri di Forza Italia non fossero usciti dall’aula al momento del voto.



Concludendo se si vuole attribuire il merito della presentazione, discussione e approvazione della legge sugli Oratori, questo va agli Oratori stessi che in questi anni in silenzio, tra mille problemi e difficoltà hanno svolto una fondamentale opera sociale sul territorio proponendosi come un sano rifugio e riferimento a quanti non credono che necessariamente bisogna ricorrere allo “sballo” per socializzare e divertirsi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 11 novembre 2008 - 1492 letture

In questo articolo si parla di politica, alleanza nazionale, giancarlo d\'anna