Fano: Siviglia entra in teatro

3' di lettura 30/11/-0001 -
Sono tanti i motivi che hanno spinto Siviglia, la griffe dell’imprenditore marottese Sauro Bianchetti, ad entrare come socio benemerito nella Fondazione Teatro della Fortuna. Innanzitutto la volontà di mantenere un legame forte con il territorio ma anche l’obbiettivo di poter esprimere i valori culturali racchiusi nell’immagine del brand.

da Teatro della Fortuna


In un mondo, come quello della moda, dove le aziende sono spesso costrette a confrontarsi con le città cult dell’abbigliamento e delle passerelle (vedi Firenze e Milano), Bianchetti non ha mai rinnegato le proprie origini e, insieme al suo consulente e commercialista Enrico Maria Renier, ha deciso di sposare senza esitazioni il progetto della Fondazione Teatro perché grazie a questo sodalizio si consolida il rapporto tra l’azienda e il territorio.

Un altro aspetto che ha influito nella decisione di legare Siviglia alla Fondazione Teatro della Fortuna è rappresentato dalla volontà di comunicare il messaggio aziendale attraverso l’arte e la cultura. Mondi che ben si sposano con la creatività dello stilista, con la sensibilità di chi esprime il proprio talento nello stile del suo total look. Se si pensa poi all’importanza che hanno a Teatro i costumi e le scenografie si capisce perché arte e moda non possono che viaggiare a braccetto. Tra le altre cose sono già al vaglio ulteriori progetti da avviare con l’Università delle Belle Arti di Urbino ed altri ancora rivolti al finanziamento di borse di studio che consolideranno ancor di più il rapporto con la Fondazione Teatro.

Nella decisione ha sicuramente influito anche il fatto che fino ad oggi Siviglia si era legata solamente al mondo sportivo con la sponsorizzazione della squadra di pallacanestro di A1 di Teramo, che appunto da due anni si chiama Siviglia Wear. L’idea di essere presente nel campo della cultura è subito piaciuta a Bianchetti che ha voluto affrontare questa avventura non come semplice sponsor istituzionale ma come socio benemerito per mandare subito un segnale forte di distinzione dagli altri partner del progetto.

L’azienda crede infatti che non sia la sola a guadagnare da questo connubio ma che anche la Fondazione Teatro possa a sua volta ottenere dei vantaggi dall’ingresso della griffe marottese. Vantaggi che arrivano sia dal fatto che il marchio Siviglia è conosciuto e stimato in tutta Italia sia dall’esperienza imprenditoriale della famiglia Bianchetti, in particolar modo nell’ottica di un percorso Teatro-impresa che sembra possa intraprendersi anche nella città di Fano.

Proprio queste valutazioni hanno portato alla scelta di Enrico Maria Renier quale componente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Teatro. Consigliere del Collegio dei Ragionieri Commercialisti della provincia di Pesaro e Urbino e membro del nuovo ordine unificato dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Renier è da sempre una persona che privilegia il lavoro di gruppo e la condivisione degli incarichi e affronterà questa nuova esperienza con la consapevolezza di poter contribuire alla crescita di una realtà importante per il tessuto socio-culturale come è la Fondazione Teatro.

Graziella Bianchetti (titolare azienda Siviglia), Enrico Maria Renier (consulente e commercialista azienda Siviglia e membro del cda della Fondazione Teatro della Fortuna), Simone Brunetti (Sovrintendente Fondazione Teatro della Fortuna), Franco Peroni (titolare Media's Project agenzia che cura la comunicazione dell'azienda Siviglia), Cesare Bianchetti (titolare azienda Siviglia)





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 dicembre 2007 - 4640 letture

In questo articolo si parla di teatro, fano, teatro della fortuna





logoEV