Macerata: si riunisce il Comitato delle Comunità Tessili Europee

3' di lettura 30/11/-0001 -
Giovedì e venerdì prossimi, 6 e 7 dicembre, tornerà a riunirsi il Comitato esecutivo e l’ assemblea generale di ACTE, l’Associazione delle Comunità Tessili Europee, di cui è vice presidente europeo e presidente per l’Italia l’assessore alle Politiche del Lavoro della Provincia di Macerata, Carla Monachesi.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.mc.it


L’incontro, in programma a Carpi, è stato convocato per sviluppare i temi dei quali l’Associazione si fa da sempre portavoce e che, nelle ultime settimane, sono stati trattati anche dalla Giunta e dal Consiglio provinciale di Macerata con due rispettivi Ordini del giorno, presentati dallo stessa Monachesi e dalla commissione consiliare “ attività produttive e lavoro “a sostegno di una petizione volta a favorire la qualità certificata, la trasparenza e la tracciabilità in ordine alla composizione e all’origine dei prodotti dei settori tessile, abbigliamento, calzature e pelletterie.

“Negli ultimi anni – spiega l’assessore provinciale Carla Monachesi, nel ruolo anche di presidente per l’Italia dell’Acte – si è assistito in Europea ad una sempre maggiore richiesta di migliorare le condizioni di salute e sicurezza nei settori tessile, abbigliamento, calzature, pelletteria e accessori in modo particolare per i rischi derivanti dall’uso di sostanze chimiche, sia all’interno dei luoghi di lavoro che anche a beneficio degli utilizzatori finali, cittadini e consumatori degli stati membri europei. In termini di salute e sicurezza, infatti – prosegue l’assessore – una maggiore attenzione e una più chiara conoscenza collettiva delle sostanze usate nelle fasi produttive, se unite a un controllo certificato a livello pubblico, permetterebbero di ridurre il rischio di malattie professionali dei lavoratori e delle lavoratrici e di tutelare, al contempo, la salute dei consumatori”.

Attraverso la petizione approvata anche dagli organi deliberativi della Provincia di Macerata, l’Acte “chiede alla Commissione europea di provvedere, di concerto con i Ministeri competenti degli stati membri e gli attori economici e sociali, alla definizione del cosiddetto Rischio da prodotti della filiera tessile, abbigliamento, calzature, pelletteria, accessori, tanto nel processo produttivo come nel loro utilizzo, da attuarsi anche attraverso l’istituzioni di un sistema di sorveglianza nazionale per la valutazione dei rischi della salute”. “ Chiederemo – aggiunge l’assessore Monachesi –anche a tutti i Comuni della nostra provincia, in particolare a quelli che registrano nel loro territorio aziende del settore del tessile, abbigliamento e calzature di approvare la petizione su Trasparenza, tracciabilità, composizione ed origine dei prodotti dei settori tessile, abbigliamento, calzature e pelletteria”.

Le delibere di approvazione della petizione assunte da tutti i soci europei di Acte verranno inviate alla commissione europea e ai ministeri competenti degli Stati membri per sollecitarli rispetto alle richieste in essa contenute . Nel settembre scorso il comitato esecutivo di Acte, tenutosi a Bruxelles, aveva approvato all’unanimità la petizione e, nello stesso giorno, era stata approvata anche dal comitato Esecutivo della Federazione dei Sindacati europei del settore.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 05 dicembre 2007 - 754 letture

In questo articolo si parla di provincia di macerata