La Vezzali e Ambrosini testimonial della campagna sulle Politiche Giovanili

3' di lettura 30/11/-0001 -
Sarà un messaggio emotivo, prima che contenutistico, quello destinato alla comunità e ai giovani marchigiani con la campagna di comunicazione dell’Accordo di programma quadro “*Giovani. Ri-cercatori di senso”.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


Dopo l’avvio del progetto “Musicultura”, che ha fatto da nave ammiraglia all’APQ – l’Accordo di programma quadro firmato tra l’assessore alle Politiche Giovanili Luigi Minardi e il ministro Giovanna Melandri a fine luglio – parte ora su scala regionale, a partire dal 19 novembre, la campagna di comunicazione per informare giovani e opinione pubblica.

«Coltiva il tuo sogno, una buona Regione c’è» è lo slogan che campeggia su manifesti, totem in cartone, locandine, depliant e spot pubblicitari. Un messaggio che comunica complicità, che sembra contenere un errore ortografico o un gioco di parole, che in realtà è un’espressione studiata per creare curiosità e attrarre l’attenzione di un universo tanto variegato, come quello giovanile marchigiano. «Una buona regione, la Regione Marche, c’è per accompagnare i giovani nella ricerca e realizzazione del loro sogno – commenta l’assessore alle Politiche Giovanili Luigi Minardi – attivando strumenti e progetti socioculturali per incentivarne la partecipazione in progetti basati sulla creatività e la crescita civile e democratica. Tra questi, il portale delle Politiche Giovanili, uno strumento di supporto a chi vuole scommettere sul futuro e su sé stesso e che riconosce ai giovani il diritto all’informazione ».

Testimoniano, questo messaggio, personaggi scelti per il fatto di essere marchigiani che avevano un sogno, hanno lottato duramente e lo hanno realizzato: Valentina Vezzali, pluricampionessa di scherma, e Massimo Ambrosini, capitano del Milan e protagonista della Nazionale.

La distribuzione dei materiali (manifesti, locandine, cartelline, totem in cartone per depliant e cartellini volanti per autobus) avverrà in circa 500 sedi diverse sul territorio regionale, sulla base di un progetto mirato, supportato da diversi sponsor tecnici: Coop Adriatica, Trenitalia, sale cinematografiche dei fratelli Giometti e Multiplex di Macerata e Ascoli Piceno, dove sarà proiettato anche uno spot pubblicitario. Locandine e depliant, oltre che nei punti degli sponsor, saranno distribuite negli Informagiovani, nelle discoteche, nei centri d’aggregazione giovanile, nelle stazioni ferroviarie, nelle Università, nelle biblioteche e nelle scuole. Poi cartellini volanti negli autobus del trasporto pubblico locale delle linee Startplus, Adria bus, Trasfer, Contram e Atma. L’affissione dei manifesti nelle principali città della regione inizierà il 19 novembre. A supporto della campagna, anche un portale regionale dedicato alle politiche giovanili, finalizzato soprattutto a fornire una struttura in grado di interconnettere tutti i servizi di informazione e comunicazione rivolti ai giovani sul territorio. Anche il ministero per le Politiche giovanili segnalerà nel sito istituzionale www.pogas.it la campagna di comunicazione e il portale marchigiano, strumento di una Regione che in Italia, anche nel settore delle Politiche giovanili, è all’avanguardia.

Il logo del Pogas Marche si presenta con un fumetto contenente icone di punteggiatura, così usate nel linguaggio SMS dei giovani per trasmettere emozioni, mentre l’APQ è rappresentato col “*Giovani. Ricercatori di senso” impresso su una striscia di nastro che ricorre i tutti i materiali della campagna, un bollo da applicare in stile streetart. Un immediato segno distintivo dietro al quale c’è l’APQ e l’assessorato alle Politiche Giovanili che intende contribuire a fare emergere e stimolare le migliori energie della nostra regione.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 16 novembre 2007 - 1041 letture

In questo articolo si parla di regione marche, regione





logoEV