Ancona:“Un modello di sanità, una sanità modello” incontro con il ministro Turco

3' di lettura 30/11/-0001 -
“Assoluta disponibilità, perché le Marche offrono una bella opportunità che serve a tutto il Paese”. Con queste parole il ministro della Salute, Livia Turco, ha dato il suo assenso alla realizzazione dell’Agenzia nazionale sull’invecchiamento nelle Marche. La sede sarà quella dell’Istituto di ricovero e cura degli anziani (Inrca)

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


Il progetto è stato presentato, in Ancona, nell’ambito dell’incontro sul Piano sanitario regionale 2007/2009 presso l’auditorium Montessori della Facoltà di Medicina, inaugurato dal ministro. “Recuperando pienamente, dopo molti anni di commissariamento e incertezze, il ruolo di unico istituto di ricovero e cura a carattere scientifico nel nostro paese, vocato alle problematiche dell’invecchiamento – ha detto il presidente della Regione, Gian Mario Spacca – l’Inrca si candida a svolgere un ruolo scientifico sia nello scenario nazionale, caratterizzato da grandi cambiamenti demografici, sia all’interno della rete sanitaria regionale”.

Secondo il ministro, “l’Agenzia è un progetto di qualità, di cui l’Italia ha bisogno per costruire una società di tutte le età. L’agenzia può aiutarci a mettere in rete le buone pratiche sperimentate nel territorio. Siederemo attorno a un tavolo per ragionare su come realizzarla”. La Turco ha espresso anche un giudizio positivo sul nuovo Piano sanitario della Regione Marche. “Ha posto alla sua base direttrici importanti, come la sostenibilità economica e finanziaria. Non basta chiedere più risorse, occorre spenderle bene. Valorizza l’efficienza e l’equità, l’innovazione, la sicurezza come elemento di qualità della vita, l’integrazione tra il sanitario e il sociale. I nostri indicatori dicono che quello marchigiano è un buon sistema sanitario. I cittadini devono apprezzarlo, esserne consapevoli, perché solo dalla consapevolezza di ciò che si ha, possono scaturire i miglioramenti necessari”.

L’approvazione del Piano sanitario, ha ricordato il presidente Spacca, è avvenuta mantenendo in equilibrio le esigenze di tre diversi livelli: istituzionale, tecnico e aziendale. “Il sistema sanitario delle Marche è caratterizzato da forti vincoli: una mobilità passiva di 136 milioni di euro, una frammentazione dell’offerta, un disomogeneo utilizzo delle opportunità sociali e sanitarie. Alla luce delle criticità, il nuovo Piano promuove il superamento degli squilibri, la programmazione di settore, il controllo, la qualità e l’appropriatezza delle prestazioni”. Spacca ha ricordato come “l’evoluzione del sistema sanitario costituisca “una grande opportunità di crescita per tutte le Marche: la sanità, infatti, è uno dei principali settori produttivi della regione e il valore prodotto da tutta la filiera costituisce una delle prime voci nella composizione della ricchezza, sia a livello regionale che nazionale”. Le Marche accettano le sfide del futuro, ha ribadito l’assessore alla Salute, Almerino Mezzolani: “Il Piano sanitario ha il compito di guidare questo cambiamento. Pesa la frammentazione organizzativa che viene dal passato. Quella che era una pregio, oggi si rivela un limite da superare. Occorre superare la competizione per abbracciare una logica di collaborazione. In questo contesto, l’area vasta diventa l’anello di congiunzione tra le diverse esigenze del territorio”.

L’incontro ha registrato anche gli interventi del dirigente del servizio Salute, Carmine Ruta (“L’offerta sanitaria deve soddisfare le necessità, non indurre la domanda”), del rettore Marco Pacetti (“Leale e reciproca collaborazione tra Stato e Università di Ancona”), del direttore generale dell’Inrca, Antonio Aprile (ha presentato il progetto dell’agenzia al ministro Turco), del presidente dell’Inrca, don Vinicio Albanesi, che ha promesso “umanità e scienza” nella realizzazione dell’Agenzia sull’invecchiamento.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 23 ottobre 2007 - 886 letture

In questo articolo si parla di incontri, ancona