Civitanova Marche: l'editoria marchigiana a Cartacanta 2007

4' di lettura 30/11/-0001 -
In occasione della 9a edizione del festival-expo CartaCanta, svoltosi a Civitanova Marche dal 4 al 7 ottobre scorsi, si è registrata un’alta affluenza negli stand espositivi di Mediateca delle Marche, AREM e MUSINF, grazie anche alla possibilità data ai visitatori di poter partecipare alla visione di filmati, e di poter consultare le ultime pubblicazioni editoriali



Interessanti spunti sono stati inoltre offerti dagli appuntamenti in programma sabato 6. In mattinata si è potuto assistere alla presentazione del "Progetto multimediale: Il lato classico del Fado" grazie alla performance del suo ideatore, il chitarrista Marco Poeta (considerato il maggior interprete della chitarra fado al di fuori del Portogallo), accompagnato dal Quartetto Italiano di Flauti “Les Flûtes Joyeuses“, composto dai Maestri Albino Mattei, Mario Puerini, Vittorio Farinelli e Francesco Santucci, e dalla chitarra classica del Maestro Pietro Antinori (anche autore degli arrangiamenti). Il progetto vedrà questa particolare formazione suonare in Italia e all’estero; prossima tappa, l’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma. La Mediateca delle Marche è stata scelta da Marco Poeta per curare l’edizione multimediale del progetto, inaugurando così una nuova prestigiosa collaborazione di livello internazionale.

A seguire, il Presidente della Mediateca, prof. Stefano Schiavoni, anche per conto dell’AREM (Associazione Regionale Editori Marchigiani), ha relazionato sul tema “Il coordinamento delle nuove realtà editoriali nelle Marche“, illustrando la situazione attuale, nonché proponendo una linea di possibili iniziative per promuovere maggiormente l’attività editoriale nelle Marche. Successivamente il critico cinematografico e studioso di linguaggi sperimentali e discipline multimediali, prof. Marcello Pecchioli dell’Università di Ferrara, ha offerto, nell’intervento “Dal web ad internet 2.0: wiki - blog - second life“, un quadro analitico relativo all'influenza esercitata dall'immaginario tecnologico sulle strutture cognitive e comunicazionali dell'uomo, valorizzando la propria esposizione con la visione di alcuni frammenti di cinema contemporaneo.

Infine la prof.ssa Tiziana Streppa, a nome dell’Agenzia per lo Sviluppo delle Autonomie Scolastiche del Ministero della Pubblica Istruzione, ha presentato il progetto “Sulle Orme di Giacomelli”, promosso dal Dipartimento dello Sviluppo dell’Istruzione e realizzato da alcune scuole superiori di Senigallia. Nel pomeriggio, sempre coordinati dal prof. Stefano Schiavoni, Mediateca delle Marche, AREM e MUSINF, hanno presentato le proprie novità editoriali. Due gli editori presenti per l’AREM. Mirko Mogliatti di Ernesto Paleani Editore ha presentato le ultime realizzazioni della casa editrice di Cagli, incentrate sulla ricerca cartografica. Paolo Bruciati delle Edizioni Artemisia ha invece presentato la rivista dell’Associazione, intitolata “Il Falco Letterario”.

Quindi il prof. Carlo Emanuele Bugatti (direttore del MUSINF), presentando il Catalogo Generale del museo, ha illustrato il grande patrimonio fotografico raccolto e correttamente archiviato (anche dal punto di vista tecnico-ambientale) a Senigallia, ed ha inoltre relazionato su compiti e ruoli delle strutture museali, intese come piazze culturali, in un corretto rapporto con la promozione editoriale delle Marche. Enzo Carli, fotografo, critico e saggista, ha poi ripercorso la storia della scuola fotografica di Senigallia a partire dallo storico Gruppo Misa, fornendo una disamina accurata dell’attuale situazione della fotografia contemporanea.

Per la Mediateca delle Marche, Simona Guerra ha presentato il volume da lei curato “Parlami di lui – Voci su Mario Giacomelli” (della linea editoriale “I Cataloghi della Mediateca delle Marche”), dedicato alla figura del grande fotografo senigalliese attraverso una serie di interviste realizzate dalla stessa autrice a protagonisti della fotografia contemporanea come Scianna, Berengo Gardin, Ferroni, Camisa, Colombo, Branzi, Manfroi, De Biasi, Permunian, Biagetti; la presentazione del libro è stata anche l’occasione per ricordare i fotografi Ferroni e Camisa recentemente scomparsi. A seguire l’intervento di Roberta Saccoccio, regista del documentario “Meio de pesce che d’oio santo – Le ultime “pesciarole” di Civitanova” edito dalla Mediateca delle Marche per la collana “Prodotti Multimediali”, che ha ringraziato per la collaborazione e l’ospitalità, ed ha annunciato il suo prossimo progetto, anch’esso dedicato all’editoria femminile: “Le contadine, tra magia e guarigione”.

Interessantissima poi la dimostrazione offerta dallo stampatore Nicola Montanari con il suo torchio calcografico.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 11 ottobre 2007 - 1401 letture

In questo articolo si parla di libri, civitanova marche





logoEV