Macerata: un volume sulla figura e l'opera di Pacifico da San Saverino

2' di lettura 30/11/-0001 -
“Pacifico da San Severino”. Questo il titolo del volume, a cura di padre Giancarlo Mandolini, presentato presso la Sala del Consiglio della Provincia di Macerata in occasione della festività di San Francesco patrono d’Italia

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.mc.it


L’opera editoriale ridisegna i tratti della figura di Frate Pacifico, figura che ha lasciato indelebili tracce sia nell’Ordine Francescano che nel territorio marchigiano in un periodo storico, l’Illuminismo, di significativo sviluppo culturale in tutta Europa. Come ricordato nel corso della presentazione dal professor Roberto Lambertini dell’Università degli Studi di Macerata, il quale ha ripreso anche la prefazione del libro curata da monsignor Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona ed Osimo originario di San Severino e devoto frequentatore del santuario intitolato al santo, “San Pacifico è stato un santo semplice, capace di toccare il cuore e di far riacquistare il gusto della preghiera e della meditazione morale. Egli andò verso la ricerca della solitudine come mezzo per ridisegnare la identità della persona umana e del colloquio con Dio e puntò alla sobrietà come medicina alla invasiva eccitazione delle cose che stanno rendendo povero il cuore dell’uomo”.

Il libro di padre Mandolini offre una ricca documentazione storico saggistica del frate penitente cui, in passato, vennero dedicati scritti ma quasi sempre in forme devozionali. “Il primo incontro con San Pacifico lo ebbi quando, quindicenne, salii con mio padre per la prima volta al santuario di Santa Maria delle Grazie di San Severino – ha spiegato intervenendo alla presentazione del volume l’autore, aggiungendo – Ciò che catturò immediatamente la mia attenzione fu la vista di una moltitudine di stampelle e grucce costruite più o meno artigianalmente, pendenti dal soffitto dell’atrio della chiesa. Non avevo mai visto una cosa simile e mi domandavo curioso e sorpreso quanta gente questo santo avesse guarito. Si trattava di miracoli? Come dubitare vedendo tutte quelle stampelle appese?”.

All’incontro di presentazione della pubblicazione hanno preso parte, fra gli altri, anche il presidente del Consiglio provinciale, Silvano Ramadori, l’assessore provinciale alla Cultura, Donato Caporalini, il vicario vescovile di Macerata, monsignor Pio Pesaresi, il ministro provinciale dei Frati Minori delle Marche, padre Ferdinando Campana.



Nelle foto, l’autore, P. Mandolini (primo a destra), con gli altri intervenuti alla presentazione del libro nella sala consiliare della Provincia





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 ottobre 2007 - 1096 letture

In questo articolo si parla di libri, macerata





logoEV