Camerino: si avvia verso la chiusura il Festival 2007

3' di lettura 30/11/-0001 -
Si avvia alla chiusura la 21ª edizione Camerino Festival, rassegna internazionale di musica e teatro da camera che si è caratterizzata per audacia e libertà espressiva.

da Camerino Festival


Sconfinamenti, contaminazioni fra generi, seppure all’interno in una matrice classica, queste sono state le ricette di un festival che, come ogni anno, non si è fatto mancare le star internazionali: da Fazil Say a Stefano Bollani, da Sergej Krylov a Bruno Canino. Degna chiusura del Camerino Festival sarà dunque quella di sabato 18 agosto (Teatro Marchetti, ore 21.30) con uno dei più interessanti duo jazz in circolazione oggi in Europa, quello composto dai francesi Richard Galliano (fisarmonica) e Michel Portal (clarinetti, sax soprano e bandonéon).

Sulla prolifica strada intrapresa dal grande Astor Piazzolla si pone il virtuoso Richard Galliano, protagonista della nouvelle vague jazzistica europea, cresciuto jazzisticamente nello stimolante ambiente musicale parigino. In questa Parigi Galliano, che vanta collaborazioni con Chet Baker, Michel Petrucciani, Jan Garbarek, Enrico Rava, incontra nel 1997 Michel Portal, saxo-clarinettista, collaborazioni con Don Cherry, John Surman, Anthony Braxton, Steve Lacy, che con estrema facilità passa dalla musica classica al free jazz senza disdegnare puntatine sulla musica dodecafonica. I due hanno registrato nel 1998 un fortunato CD intitolato Blow Up. L'album propone interessanti riletture di due famosi standards di Piazzolla come la struggente ma sanguigna Libertango, la delicata Oblivion, più altre composizioni di Galliano e Portal. Blow up diventa un grande successo discografico, seguito da Concerts, inciso nel 2003, un lavoro che risente delle esperienze musicali che intanto entrambi hanno sviluppato. Le brevi note scritte dai due musicisti in occasione della pubblicazione di Concerts vogliono appunto rimarcare l'unicità di questa registrazione: ogni singolo concerto è un'esperienza a sé stante, se guidato esclusivamente dalla libertà dell'improvvisazione jazz.

La maggiore novità delle ultime apparizioni in concerto del duo consiste nella rottura dell'accoppiata fissa fiati-fisarmonica: infatti, mentre Galliano resta fedele al suo accordeon, in metà dei brani, Portal suonerà invece il bandonéon. Ricco di virtuosismi esecutivi, il duo Portal e Galliano si distingue anche per la perfetta sintonia: le sonorità che esprimono sono piene e dense e conservano quella fruibilità che molto ha contribuito al successo dei loro CD.

Non sappiamo cosa suoneranno di preciso i due artisti francesi nel concerto del 18 agosto a Camerino, ma senz’altro porteranno sul palco del Teatro Marchetti parte di questi due splendidi CD: le meravigliose melodie di Astor Piazzolla, le variopinte melodie balcaniche di Taraf e Blow Up o le riletture di brani di Ermeto Pascoal, in un concerto la cui vera natura si può trovare in una battuta di Portal: “Amo andare sul palco senza sapere quello che suonerò. È fantastico, è veramente l'unica volta in cui ti puoi divertire. Devi essere libero. Ho bisogno di musicisti come Galliano che hanno lasciato il loro ego dietro le spalle. Veri improvvisatori, che non smettono mai di sorprenderti quando suoni con loro”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 agosto 2007 - 1009 letture

In questo articolo si parla di camerino