Urbisaglia: al Teatro Romano arriva Prometeo

30/11/-0001 -
Giovedì 2 agosto Prometeo, con David Quintili, Lucia Mascino e Francesca Rossi Brunori diretti da Omero Affede, conclude all’Teatro Romano di Urbisaglia la rassegna TAU 2007.

di Amat


Lo spettacolo - tratto da Prometeo Incatenato di Eschilo su traduzione di Pino Menzio e coprodotto da Ecate Teatro, Terra dei Teatri Festival e TAU – è parte di una trilogia che è iniziata lo scorso anno con Baccanti di Euripide e si concluderà l’anno prossimo con Rane di Aristofane.

Il mito raccontato dallo spettacolo è uno dei più citati dalla letteratura occidentale. Prometeo rubò il fuoco a Zeus per donarlo agli uomini. Il furto comportò guai alla razza umana. Infatti il dio, essendo stato ingannato, decise di vendicarsi dei mortali e del titano: condannò i primi a una triste condizione esistenziale e il secondo a essere incatenato da Efesto a una rupe sulla cima più alta dei monti del Caucaso , dove ogni giorno arrivava un avvoltoio a divorargli il fegato, che poi si riformava. La vicenda è intrigante, perché non risolta e aperta a interpretazioni.

Lo spettacolo proposto da TAU 2007 attualizza il mito e legge il dono del fuoco da parte di Prometeo agli uomini come la causa dell’indiscriminato dominio della tecnica sulla natura. Inoltre svuota la tragedia e, passando attraverso l’assurdo e la psicosi buffonesca in un contesto di ritualità quotidiana, la restituisce di nuovo. In questa operazione il regista si è ispirato alle parole del filosofo francese Albert Camus, noto appunto per il suo saggio su Prometeo: “Un attore conferisce tanta maggiore forza a un personaggio tragico quanto più si guarda dall’esagerarlo. Se ha il senso della misura, l’orrore che suscita sarà smisurato. […] In un’opera tragica il destino risalta sempre di più sotto l’aspetto della logica e del naturale”.

La nona edizione del TAU/Teatri Antichi Uniti termina con entusiasmo e soddisfazione dei promotori – Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Marche / Assessorato ai Beni e alle Attività Culturali, Amat , Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche, Provincia di Ascoli Piceno, Provincia di Macerata, Comune di Falerone, Comune di Urbisaglia, Comune di Ascoli Piceno e Comune di Monte Rinaldo – che apprezzano il successo riscontrato dagli spettacoli e le linee di sviluppo intraprese dalla rassegna.

TAU 2007 ha offerto dodici appuntamenti di cui due coproduzioni che hanno spaziato dai testi dell’antichità greco-latina che si prestano anche a letture drammaturgiche più attuali fino ad opere che, pur appartenendo a tradizioni letterarie più recenti e moderne, sono accomunabili per argomenti e stile, ai canoni della classicità.

Inoltre, quest’anno la rassegna ha visto nascere una nuova sezione, TAU ragazzi , con due spettacoli dedicati ai giovanissimi, iniziativa importante per permettere ai più piccoli di incontrare i classici e il teatro. Centrali nella progettazione della rassegna, nata dallo sviluppo naturale del cartellone estivo di teatro antico ad Urbisaglia, sono i luoghi di interesse archeologico: anfiteatri, siti e spazi di straordinaria suggestione utilizzati per la spettacolarizzazione sono in questo modo restituiti ad un ampio uso dall’impegno congiunto di Province, Comuni, Regione, Amat e Soprintendenza ai Beni Archeologici, in una coniugazione di beni e attività culturali.

Le voci dello spettacolo sono di Giorgio Contigiani, Eleonora Sarti e Michele Renzullo. La musica è curata da Gianluca Gentili, i costumi da Giuditta Chiaraluce, l’allestimento tecnico e video project è di Paolo Appignanesi, la scenografia e l’ideazione video di Ecate Teatro.

Informazioni e biglietti (da € 12 a € 16): Pro Loco tel. 0733 506566, tutti i giorni 10 - 13 / 15 - 19. Inizio spettacolo ore 21.30.




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 01 agosto 2007 - 1528 letture

In questo articolo si parla di