Montesi: giunta filocacciatori, i Verdi non ci stanno

2' di lettura 30/11/-0001 -
"Sembravano un miraggio le voci secondo le quali nel nostro territorio provinciale erano stati avvistati caprioli e daini. A pochissimi è capitato di poterli incontrare o semplicemente intravedere da lontano. Si tratta di animali molto sensibili e delicati che necessitano di un habitat naturale vasto ed estremamente rispettoso: è una fortuna per noi poterli accogliere nel nostro territorio".

da Luciano Montesi
Assessore al Turismo della Provincia di Ancona


Questo ha dichiarato l’Assessore Montesi in merito alla proposta di giunta dell’Assessorato provinciale alla Caccia di istituire dei corsi di formazione per l’abbattimento di cervidi.

“Ho strabuzzato gli occhi incredulo quando ho visto la Giunta approvare questa decisione. Penso sia incredibile e inaccettabile che la Provincia di Ancona istituisca corsi di formazione per addestrare 50 cacciatori ad abbattere cerbiatti e daini nella nostra provincia. Non c’è una indagine che indichi con chiarezza quanti siano questi splendidi animali, quali danni arrechino alla popolazione o all’agricoltura.

E’ fin troppo evidente come ho dichiarato a margine della seduta di Giunta – prosegue Montesi - che si tratta di un regalo alla lobby dei cacciatori. Infatti se ci fosse il sovrannumero di cui si parla, se ci fosse rischio per le persone e di danni per l’agricoltura perché non si pensa alla cattura e al conseguente rilascio in ambiente di montagna ma si punta subito all’ipotesi dell’abbattimento?

Nonostante le mie sollecitazioni nella precedente seduta di Giunta o le prese di posizione delle associazioni ambientaliste sulla stampa, la maggioranza della Giunta Giancarli oggi ha deciso di andare avanti su questo progetto. Personalmente ho votato contro e credo con questo di rappresentare l’idea, la cultura, la sensibilità ambientale dei cittadini della provincia di Ancona.

Ci deve essere coerenza tra le nostre enunciazioni politiche e le azioni che compiamo. Una provincia che non accoglie qualche decina di cervidi non è una provincia sostenibile.
A questo punto la questione passa al tavolo politico ed in tal senso ho già attivato la Federazione provinciale del mio partito perché la questione sia sollevata in maggioranza. Continuo a sperare che la Giunta riveda questa posizione".





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 gennaio 2007 - 1071 letture

In questo articolo si parla di provincia di ancona, luciano montesi