Rutelli ammira lo Sferisterio al Pitti Uomo

2' di lettura 30/11/-0001 -
"Mi piace lo Sferisterio e farò di tutto per venire alle vostre rappresentazioni estive".
Visibilmente interessato, di fronte a una gigantografia dell’Arena gremita, il vicepresidente del Consiglio e ministro dei Beni culturali, Francesco Rutelli, ha risposto all’invito della padrona di casa, Fiorella Tombolini, nello stand dell’impresa a Pitti Immagine Uomo.

di Sferisterio Opera Festival
www.sferisterio.it


Proprio Rutelli ha infatti inaugurato mercoledì scorso il prestigioso appuntamento fiorentino, 71° salone dell’abbigliamento, parlando della necessità di "favorire gli investimenti dei privati e delle imprese nel settore dei beni culturali, dai restauri all’arte contemporanea, attraverso la revisione delle normative". Due le possibili ricette secondo il ministro: defiscalizzazione e incentivi all’ingresso.

Nello spazio Tombolini il vicepresidente del Consiglio si è soffermato di fronte alle immagini dello Sferisterio e al cospetto dei costumi dell’Aida e della Turandot.

Ieri mattina nella sede del Comune di Firenze, di fronte ai media locali, è stata illustrata la stagione lirica 2007 dello Sferisterio diretta dal Maestro Pier Luigi Pizzi e dedicata al "Gioco dei potenti".

Macbeth di Giuseppe Verdi, Norma di Vincenzo Bellini, Maria Stuarda di Gaetano Donizetti e Saül di Flavio Testi sono le opere in cartellone insieme a recital e concerti al Lauro Rossi, un requiem dedicato a Beniamino Gigli e due coppie celebri del balletto: Carla Fracci-Gheorghe Iancu e Roberto Bolle-Alessandra Ferri.

I drammi, le sconfitte, le illusioni, il sangue, nella lotta per il potere saranno incarnati dai personaggi che via via si succederanno sul palcoscenico dello Sferisterio. Il filosofo Massimo Cacciari aprirà il Festival, il pomeriggio del 26 luglio, con una conferenza-dibattito su “Il gioco dei potenti” che affronterà, tra l’altro, la differenza tra la “teatralità” del potere antico e l’anonimato del potere attuale, ridotto a un vero e proprio “teatrino”.

“Il gioco dei potenti” è una stagione più lunga delle precedenti e percorsa da novità e da avvenimenti culturali di alto livello. Diciotto giorni, sei spettacoli diversi in sei serate: tutto questo per offrire allo spettatore un evento differente per ogni giornata di permanenza a Macerata.

Il cartellone dell'estate 2007
Il Gioco dei Potenti





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 15 gennaio 2007 - 1129 letture

In questo articolo si parla di macerata, sferisterio





logoEV