Bioedilizia: si comincia con bitazioni per anziani e studenti

2' di lettura 30/11/-0001 -
Bioedilizia e risparmio energetico, accessibilità architettonica, residenze miste per studenti e anziani: questi i filoni d’intervento di tre bandi di concorso per la concessione di contributi regionali finalizzati alla realizzazione di interventi di edilizia residenziale sperimentale.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


Indetti da tre decreti dirigenziali - emanati il 29 dicembre 2006 e di prossima pubblicazione sul BUR - i bandi di concorso indicano la volontà della giunta regionale, attraverso la proposizione dell’assessore all’Edilizia residenziale, Gianluca Carrabs, di puntare sull’innovazione dell’abitare attraverso percorsi di sperimentazione.

“L’attività di sperimentazione - ha dichiarato Carrabs - è finanziata con le risorse del passato piano regionale di edilizia residenziale che ha destinato a tale scopo 6 milioni di euro, due milioni di euro per ciascun bando”. Alla selezione possono partecipare i Comuni, gli ERAP (ex IACP), le imprese di costruzione e le cooperative d’abitazione. Le domande di partecipazione dovranno essere inviate alla Regione entro e non oltre quattro mesi dalla pubblicazione dei bandi sul bollettino ufficiale della Regione.

La modulistica sarà reperibile nel sito della Regione www.regione.marche.it alla voce “bandi” dopo la pubblicazione sul BUR. Gli alloggi realizzati, da destinare alla locazione per un periodo minimo di quindici anni, godranno di un contributo regionale variabile dal 30 al 50 per cento del loro costo. “Sarà selezionato un solo intervento sperimentale per ogni bando di concorso” ha concluso l’assessore “secondo criteri che tengono conto del grado di rispondenza del progetto alla finalità del bando, alle caratteristiche innovative, alla qualità architettonica complessiva, alla trasportabilità della proposta.

Anche attraverso questa modalità, intendiamo coniugare qualità e ambiente con la necessità di adeguate abitazioni da concedere in locazione alle fasce più deboli, quali appunto gli anziani e gli studenti”. E’ previsto il monitoraggio in corso d’opera e in esercizio per tre anni, per verificare il raggiungimento degli obiettivi della sperimentazione.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 gennaio 2007 - 1133 letture

In questo articolo si parla di regione marche





logoEV