Agrcoltura: pronte le liquidazioni sui fondi agricoli

3' di lettura 30/11/-0001 -
La Regione Marche ha inviato a pagamento oltre il 100 per cento delle risorse disponibili, al termine del periodo di programmazione del Psr (Piano di sviluppo rurale 2000-2006.

dalla Regione Marche


Per l’anno 2006 sono state emesse liste di liquidazione superiori a 187 milioni di euro, segnando “un forte recupero nell’ultimo anno” (come riportato da un comunicato del ministero delle Politiche Agricole). Parte di questi fondi, regolarmente inviati dalla Regione Marche, entro i termini stabiliti e ammontanti a circa 29 milioni di euro, non sono stati erogati agli agricoltori perché, al 16 ottobre 2006, è risultato insufficiente il budget nazionale e Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) si è ritrovata con le casse vuote.

Lo ricorda l’assessore regionale all’Agricoltura, Paolo Petrini che sottolinea come la Regione Marche, allo scopo di venire incontro alle esigenze finanziarie delle aziende agricole, si sia immediatamente attivata, con gli istituti di credito regionali, affinché ogni agricoltore, in possesso di un decreto di liquidazione, potesse vedersi anticipare il contributo non pagato. Contemporaneamente c’è stato un coinvolgimento, sollecitato dell’assessore Petrini, della commissione Politiche Agricole (organo di coordinamento di tutte le Regioni in materia di agricoltura), del ministro dell’Agricoltura De Castro e Agea, al fine di approntare le modalità idonee per pagare gli agricoltori attraverso un’anticipazione bancaria della Regione Marche.

“Le Marche – dice l’assessore Petrini – sono al momento una delle poche regioni in Italia che si è fatta carico di affrontare questo problema, costruendo uno specifico percorso. Da un lato, l’accordo con il sistema bancario regionale e, dall’altro, le anticipazioni che la Regione concederà permetteranno, almeno in parte, di venire incontro alle necessità finanziarie delle aziende agricole. Ricordiamo, che senza questo provvedimento, l’Agea liquiderà i fondi il prossimo ottobre”.

“Per quel che riguarda tutti coloro che ancora non sono riusciti a perfezionare la loro rendicontazione – continua Petrini – è già stato deliberato il trascinamento al prossimo periodo di programmazione”. In particolare, il trascinamento interesserà sia le misure a investimento, che quelle agroambientali; per l’annualità 2007, saranno disponibili entro l’estate i bandi per le misure relative alle indennità compensative e al biologico.

“Riguardo alle anticipazioni, che avranno notevoli costi per la Regione - dice Petrini – queste serviranno per pagare prioritariamente tutti gli investimenti rimasti inevasi al 15 ottobre 2006, così come tutte le misure agroambientali che si riferiscono alle annualità 2004-2005, non pagate per via di anomalie o perchè soggette a ulteriori controlli”. Per le altre misure agroambientali, relative all’annualità 2006, l’assessore all’Agricoltura e la Giunta regionale stanno cercando di definire quante e quali delle misure potranno essere pagate attraverso le anticipazioni.

“La volontà è di chiudere al meglio e il prima possibile questo periodo di programmazione - conclude l’assessore – per dedicare la massima attenzione ed energia alla nuova programmazione 2007-2013. La sfida che siamo chiamati ad affrontare è importante; per questo motivo la Regione Marche e il servizio Agricoltura hanno da tempo intrapreso un percorso, non semplice ma senza dubbio necessario, di confronto con il territorio e le associazioni di categoria per l’elaborazione di un programma di sviluppo rurale condiviso e coerente con le esigenze del territorio, che miri al rilancio dell’agricoltura marchigiana, per la tutela del territorio e la valorizzazione delle produzioni locali”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 gennaio 2007 - 1083 letture

In questo articolo si parla di regione marche, agricoltura





logoEV