Ancona: un intero quartiere mobilitato contro l'inquinamento atmosferico

3' di lettura 30/11/-0001 -
A Torrette di Ancona, parte ufficialmente oggi la campagna MAL'ARIA di Legambiente, la storica protesta delle lenzuola bianche appese a finestre e balconi per dire no allo smog e chiedere una mobilità più sostenibile.

da Legambiente Marche


Legambiente Marche e il Circolo dorico di Legambiente “Il Pungitopo” rilanciano l'iniziativa da uno degli snodi più critici e invivibili della viabilità anconetana - nel 2006 la centralina di Via Conca ha rilevato ben 118 sforamenti dei limiti previsti per il PM 10 (50 microgrammi/mc) contro i 35 giorni consentiti – prontamente raccolta da un nutrito gruppo di 12 tra associazioni e circoli locali, che insieme ai promotori puntano a sensibilizzare più torrettani possibile, col risultato di vedere tappezzate di teli bianchi tutte le vie del quartiere.

Grazie all'assidua collaborazione di V Circoscrizione, Comitato di Quartiere, Parrocchia Maria SS.Madre di Dio, Circolo ll Porticciolo, Circolo ANSPI, Gruppo sportivo Koryo, coop. Sociale La Scatola magica, U. S. Dorica Torrette, Gruppo Ciclistico Torrette, Circoli Arti e Mestieri, L'incontro e La Quercia e Casa Accoglienza Dilva Baroni, è stato effettuato un capillare volantinaggio e da Via Conca a Via Flaminia, passando per Via Tronto e Via Metauro, sono state già distribuite una 80ina di lenzuola di Legambiente, ma l'invito a tutti i residenti è chiaro: per unirsi alla protesta basta appendere un telo o uno straccio bianco qualsiasi e tenerlo appeso possibilmente fino alla fine di Gennaio.

Un aiuto alla migliore riuscita della campagna - si augurano i promotori- verrà anche dalla creatività e la fantasia dei più piccoli. Gli operatori educativi della Scatola Magica infatti stanno coinvolgendo una 40ina di studenti delle elementari Don Milani, che frequentano il loro dopo scuola, in attività di pittura e bricolage per personalizzare altrettanti teli bianchi da appendere alle finestre delle loro abitazioni.

“Il trasporto stradale pesa da solo per il 70% delle emissioni di PM10, l’inquinante più diffuso e pericoloso per la salute umana – spiega Vitaliano D'Addato del Circolo Legambiente “Il Pungitopo” – È quindi urgente invertire la rotta, con interventi strutturali sulla mobilità cittadina: il vero obiettivo rimane quello di ridurre il numero di veicoli incrementando il trasporto pubblico e nello specifico di Torrette, ridurre anche la quota dei tir di passaggio, dirottandoli al più presto su rotaia. Quello delle lenzuola è un gesto simbolico, ma non troppo, per protestare contro l'aria malsana che respiriamo tutti i giorni e riaffermare la priorità della nostra salute nell'azione politica e nell'agire comune”.

Ma MAL'ARIA a Torrette non sarà solo lenzuola di protesta. Nei prossimi giorni infatti verrà fissato all'incrocio di Via Conca anche un radiello, per il monitoraggio del benzene (C6H6), componente naturale delle benzine e inquinante tra i più tossici per la sua provata cancerogenicità (classificato come sostanza cancerogena sia dalla U.E. che dallo I.A.R.C. - International Agency for Research on Cancer), che non viene rilevato dalle attuali centraline: il campionamento ambientale durerà una settimana e i risultati saranno resi noti in seguito.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 11 gennaio 2007 - 1209 letture

In questo articolo si parla di legambiente, ancona





logoEV