SVIM a Bruxelles: un ponte tra Europa e Territorio

3' di lettura 30/11/-0001 -
Ricevere input su idee e proposte progettuali è l’obiettivo per il quale SVIM e Regione Marche hanno invitato i rappresentanti delle principali sigle del mondo economico che lavorano sul territorio per ascoltare le esigenze e trovare le soluzioni atte a soddisfarle.

da SVIM


Questo l’obiettivo del convegno: “Un ponte tra Europa e Territorio. SVIM a Bruxelles: costruiamo insieme opportunità di Sviluppo”.

La Commissione Europea attraverso i suoi diversi programmi di finanziamento offre molte opportunità che la Regione Marche attraverso SVIM – Sviluppo Marche, ha già dimostrato di saper utilizzare al meglio, essendo la regione italiana che ha ottenuto il maggiore incremento di fondi UE per il sestennio 2007-2013 con oltre 6 milioni di euro in più a disposizione grazie all’innovatività dei progetti.

L’avvio delle attività di SVIM presso la sede della Regione Marche a Bruxelles ha l’obiettivo proprio di supportare, al fine di centrare gli obiettivi prefissati, gli enti locali, le associazioni di categoria, le forze sociali e tutti coloro che hanno un buon progetto e che per realizzarlo necessitano di reperire fondi comunitari attraverso programmi di finanziamento.

L’esperienza degli ultimi anni insegna che tanto più si riesce a far rete e lavorare in sinergia tra diversi soggetti coinvolgendo il mondo sociale ed economico locale, più si hanno opportunità concrete. “Stiamo vivendo una dimensione internazionale, con una crescente apertura verso il mondo in ogni settore.

Ciò comporta politiche, modalità, metodi nuovi, per accompagnare questo processo. Soprattutto, serve, capacità progettuale – ha detto Gian Mario Spacca che ha introdotto i lavori del convegno”. Con la SVIM – ha detto- si conta di realizzare un’azione di sostegno progettuale, per attrarre le risorse europee che sono “libere”, non vincolate ai territori, ma a disposizione per i progetti migliori. E, per alzare la qualità dei progetti, è interessante la costituzione di un laboratorio di progettazione.Così pure chiediamo alla SVIM di aiutarci a migliorare l’utilizzazione delle risorse dei diversi Fondi europei”.

Roberto Tontini, amministratore unico di Svim spa ha ricordato come Sviluppo Marche abbia gestito in questi anni oltre 100 progetti per circa 60 milioni di euro complessivi, di cui 16 milioni con ricaduta diretta sulle Marche, annunciando come il nuovo desk a Bruxelles sarà utile “per l’attività di raccordo tra le esigenze del territorio regionale e le opportunità offerte, per orientare una nuova progettualità sempre più efficace e proficua, per far crescere e dare ulteriore lustro alle nostre eccellenze”.

Le conclusioni del convegno sono state affidate a Paolo Petrini, Assessore regionale alle Politiche Comunitarie: “l’innovazione – ha detto- ha bisogno di un’organizzazione stabile per definire le priorità specifiche ed operare per soddisfarle: Svim è il soggetto ideale per non frammentare le risorse ed essere presenti a Bruxelles significa dotarsi di un punto di riferimento strategico per far crescere ulteriormente la nostra capacità di mettere a punto progetti che già in questi anni ha dimostrato di essere a livelli di eccellenza”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 21 dicembre 2006 - 1139 letture

In questo articolo si parla di regione marche