Macerata: aumentano le donne imprenditrici

3' di lettura 30/11/-0001 -
In provincia di Macerata sono attive 8.869 imprese al femminile. Il dato è stato rilevato dall’Osservatorio regionale sull’imprenditoria “rosa”, legato al Progetto Equal, ed è emerso durante la presentazione della nuova guida “Impresa Donna”, edita dagli assessorati provinciali alle Attività produttive e alle Pari opportunità.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.macerata.it


Secondo la statistica, nelle Marche le aziende guidate da donne sono circa 37 mila e negli ultimi anni la loro incidenza numerica è cresciuta del 3%. Il territorio maceratese, pur avendo la maggior parte delle imprenditrici impegnata nei settori dei servizi e dell’agricoltura, ha oltre un quarto del suo tessuto imprenditoriale colorato di rosa: 27% circa contro il 24% della media nazionale. “La guida – hanno spiegato Carla Monachesi e Silvia Bernardini, assessori della Provincia che hanno promosso la pubblicazione – è nata proprio per sostenere e incentivare la creazione d’impresa da parte delle donne. Vuol essere uno strumento pratico, di facile consultazione, utile a chi vuole capire come e cosa bisogna fare per mettere in piedi un’azienda. L’iniziativa rappresenta anche un contributo alla promozione del ruolo imprenditoriale al femminile, una ‘legittimazione’ dell’impresa ‘rosa’ di fronte a un mondo esterno che ancora ha difficoltà a considerare la donna quale soggetto economico di sviluppo al pari dell’uomo”.

Su questo aspetto si è soffermato anche il presidente della Provincia, Giulio Silenzi, intervenuto alla presentazione. “La battaglia culturale e politica sulla effettiva parità fra uomo e donna non è affatto scontata nell’epilogo – ha spiegato – perché alle parole troppo spesso non seguono i fatti. Occorre coerenza fra ciò che si dice e ciò che poi si fa. Personalmente penso di aver mantenuto fede all’impegno assunto, affidando tre assessorati ‘pesanti’ ad altrettante donne. La Guida e iniziative di confronto come questa sono importanti, dunque, per tenere alta l’attenzione e non far cadere il silenzio su certi temi”.

Al dibattito hanno partecipato anche l’assessore regionale Loredana Pistelli, la quale – fra l’altro – ha ricordato che il 2007 sarà proprio l’anno delle pari opportunità; la Consigliera regionale di parità, Paola Catalini; la presidente della Commissione provinciale per le pari opportunità, Cornelia Lanzani; il funzionario della Regione Marche per l’impiego, Antonio Secchi, e la presidente del Comitato per l’imprenditoria femminile di Macerata, Ivana Marchigiani. Nell’occasione è stata presentata l’iniziativa del “Prestito d’onore”, lanciata di recente dalla Regione Marche per sostenere la creazione di nuove imprese attraverso la concessione di credito agevolato non assistito da garanzie di alcuni tipo. Destinatari sono i disoccupati, i laureati con meno di 29 anni, gli extracomunitari e le donne over 35 residenti nelle Marche. Sono disponibili risorse pari a 2 milioni e mezzo di euro e il bando resta aperto fino al 1° giugno 2007. Finora sono state presentate 77 domande, 45 delle quali avanzate da donne che vogliono diventare imprenditrici. Trentaquattro di loro hanno più di 35 anni e il prestito-tipo che le aspetta è di 20 mila euro, da restituire in un massimo di 6 anni senza alcun interesse.

Un momento della presentazione della guida “Impresa Donna”





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 01 dicembre 2006 - 1325 letture

In questo articolo si parla di lavoro, macerata, provincia di macerata