L’ambasciatore Vattani visita la mostra dei maestri marchigiani a Mosca

30/11/-0001 -
Il presidente dell’Istituto del Commercio Estero Italiano (ICE): “Un evento utilissimo per far conoscere i nostri Maestri alla popolazione russa e per veicolare l’immagine globale dell’Italia”.

da Agora perArte
agora.perarte@libero.it


“È certamente uno degli avvenimenti culturali più importanti dell’anno questa mostra sull’arte italiana contemporanea che si terrà Mosca dal 23 novembre 2006 al 13 febbraio 2007”, ha dichiarato la dottoressa Lubov Evdokimova, vice direttrice del Museo dell’Arte Contemporanea dell’Accademia dell’Arte Russa a Mosca. L’affermazione è stata fatta alla presenza dell’ambasciatore Umberto Vattani, presidente dell’ICE, il quale ha visitato l’esposizione in fase di allestimento, accolto dal curatore Armando Ginesi e dall’equipe composta da Franco Guercio, Riccardo Avenali, Renato Barchiesi e Daria Karelina.

Il responsabile del Commercio Estero Italiano era accompagnato da un gruppo di diplomatici, fra cui il direttore dell’ICE di Mosca, dott. Pelo, dal consigliere culturale dell’Ambasciata d’Italia dott. Alberto di Mauro e dal dott. Oleg Shchegolev, responsabile area regionale della Camera di Commercio italo-russa, e ricevuto dalla dott.ssa Evdokimova.

L’ambasciatore Vattani si è complimentato per l’iniziativa e per la qualità delle opere e ha apprezzato moltissimo il catalogo, che ha definito “strumento idoneo alla comprensione del grande sforzo compiuto nell’organizzazione dell’evento” considerato “utilissimo per far conoscere l’arte italiana alla popolazione russa, ma anche mezzo di grande efficacia per veicolare l’immagine globale dell’Italia compreso l’aspetto commerciale ed economico”. Infatti il diplomatico si è impegnato a comunicare questo importante messaggio agli operatori della stampa russa incontrati in occasione delle fasi preparatorie della Fiera internazionale del mobile “Mebel”.

Nella circostanza l’ambasciatore Vattani ed il seguito hanno visitato alcuni parti del Museo e della Galleria Zereteli, accompagnati dalla dott.ssa Evdokimova e dall’architetto Aleksander Mirianashvili.

La mostra “L’Arte italiana del XX secolo attraverso i grandi marchigiani” si inaugurerà nel pomeriggio del 23 novembre alla presenza di molte autorità russe, dell’ambasciatore d’Italia Vittorio Surdo, del grande scultore russo e presidente dell’Accademia dell’Arte Russa, prof. Zurab Zereteli, del noto pittore moscovita Nikas Safronov, di numerosi altri esponenti della cultura, dei presidente del Consiglio regionale e della Giunta delle Marche, Raffaele Bucciarelli e Gian Mario Spacca, dell’assessore alla Cultura del Comune di Ancona, Pierluigi Fontana e di altri funzionari delle amministrazioni italiana e russa, nonché da molti imprenditori marchigiani (Guzzini, Bini, Saltamartini, Balboni Acqua…) giunti per l’occasione a Mosca assieme al responsabile della Camera di Commercio della Federazione Russa in Italia, Pavel Dorochin, e al Dirigente tecnico del ministero italiano di Grazia e Giustizia, arch. Leonardo Scarcella.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 21 novembre 2006 - 1070 letture

In questo articolo si parla di arte