Ancona: sei proiettili contro lo studio dell'avvocato Brunetti

30/11/-0001 -
Con tutta probabilità è accaduto nella notte tra domenica e lunedì, sei fori nella finestra dietro la scrivania dell'avvocato Marco Maria Brunetti, nello studio legale di via Carducci, ad Ancona. Si teme un collegamento con la morte del figlio, avvenuta 3 anni fa.

di Riccardo Silvi
silvi@vsmail.it


Dopo la minaccia avanzata nei giorni scorsi a Riccardo Lasca, capo del personale del Comune di Ancona, un altro atto intimidatorio si è verificato nel capoluogo dorico. Iil noto avvocato Marco Maria Brunetti ha trovato la finestra del suo ufficio forata da 6 proiettili.

Presumibilmente esplosi nella notte tra domenica e lunedì, i sei colpi sono stati sparati da un'altezza pari a quella dell'ufficio dell'avvocato Bunetti; questo esclude quasi definitivamente la pista della bravata.

Il primo pensiero di Marco Maria Brunetti è andato alla tragica vicenda di suo figlio, morto di overdose 3 anni fa, e fatto ancora al centro di diverse vicissitudini legali.

L'avvocato Brunetti, il quale non ha mai ricevuto minacce di nessun genere, ha comunque sporto denuncia al comando dei carabinieri di via Piave, ricordando alle forze dell'ordine, forse con un po' di ironia, che di recente qualcuno aveva già distrutto la sua auto nei pressi di Fabriano.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 16 novembre 2006 - 3400 letture

In questo articolo si parla di cronaca, riccardo silvi, redazione, ancona