Il Rally delle Marche invade...la regione

30/11/-0001 -
Si profila un successo per la decima edizione del Rally delle Marche, un primo consenso che arriva direttamente dalle adesione dei piloti intenzionati a partecipare alla gara.

dal Rally delle Marche


Sono una settantina e saranno qualche unità in più quando ufficialmente si visioneranno le ultime domande di iscrizione giunte nelle ultime ore presso la sede della riminese PRS Group, equipe organizzatrice dell’evento sportivo facente capo a Oriano Agostini.

E’ speranza degli organizzatori il superamento della quota iscrizioni fissato lo scorso anno –settantacinque - anche una sola unità infonderebbe ulteriore spinta emotiva e confermerebbe che le gare sterrate godono di sconfinato credito e seguito da parte di appassionati estimatori. Dai dati dello scorso anno, confermati e confortati da quelli di questa edizione, oltretutto, si evince che nelle Marche ed a Cingoli in particolare i legami sportivi sono forti ed i rallisti in queste zone vengono sicuri di poter dar sfogo alla propria passione in un contesto adatto e ben predisposto nei confronti di queste manifestazioni.

Una settantina, al momento, gli iscritti, annunciati con le Mitsubishi Lancer Franco Laganà, gentleman barese; il sardo Gavino Carta; il rallyman marchigiano più rappresentativo Alfredo De Dominicis, da inserire nell’elenco dei favoriti alla affermazione; i toscani Luca Baldini ed pilota ufficiale Opel Motorsport Gabriele Tognozzi a proseguire lo sviluppo della nuova Astra GTC Turbodiesel. Sul fronte Subaru si segnala la presenza del veneto Riccardo Scandola con la Impreza della Tecnica Bertino e del toscano Marco Allegri. Tra le due ruote motrici di gruppo N si segnala il reggiano Gianluca Tosi con la Renault Clio.

Una gara su fondo sterrato per un rally di Coppa Italia. Il Rally delle Marche propone un percorso da corrersi interamente sulle bianche strade marchigiane, fatto del tutto inedito per le competizioni a validità nazionale. Circa duecento chilometri il tracciato di gara, una sessantina quelli destinati ai nove tratti cronometrati. Sette e trenta le ore di competizione che avrà in Cingoli, in provincia di Macerata, il centro nevralgico, sede di tutte le sezioni operative e organizzative, sede soprattutto delle partenze e degli arrivi della gara.

E’ giunto alla decima edizione il Rally delle Marche che, dopo il viatico dagli asfalti pesaresi e romagnoli, nonché dell’autodromo Santamonica di Misano Adriatico, si è trasformato in una ambiziosa manifestazione rallistica da corrersi interamente su di un fondo sterrato, trovando nuova dimora nel centro marchigiano di Cingoli. Cittadina posizionata sulle prime alture della provincia di Macerata, definita dagli stessi marchigiani “Tetto delle Marche”: luogo dal quale si gode di vista panoramica sulla pianura sottostante.

Decima edizione che per la seconda volta consecutiva si disputa sui veloci e compatti fondi sterrati della provincia di Macerata, strade che per la loro particolare conformazione e sviluppo sembrano fatte apposta per ospitare competizione rallistiche di maggiore valenza. Raccolse positivi riscontri da parte dei piloti che lo scorso anno presero parte a quella che era la prima apparizione della manifestazione nella nuova veste “terraiola”. Da Pucci Grossi, apripista d’eccezione, a Denis Colombini, il vincitore, l’unanimità dei consensi decretò un vero successo, tant’è per quest’anno sono attesi tanti piloti ai blocchi di partenza.

Il programma: Chiusura Iscrizioni giovedì 9 novembre; Ricognizioni con vetture di serie del tracciato di gara venerdì 17 –dalle ore 9 alle 12,30 e dalle 14 alle 18,30- sabato 18 dalle 8,30 alle 12,30; Verifiche sportive e tecniche ante gara dalle 14 alle 18,30 di sabato 18 novembre presso Comunità Montana San Vicino (Via S. Esuperanzio n. 1 – Cingoli) e in Viale Valentini Cingoli; Partenze rally domenica 19 novembre alle ore 7,30 e Arrivo ore 15 in Piazza Vittorio Emanuele II Cingoli; Premiazioni sul Palco di arrivo di Piazza Vittorio Emanuele II –Cingoli. Direzione Gara e Sala Stampa c/o Comunità Montana San Vicino, Via S. Esuperanzio n. 1–Cingoli –Mc. Conduttori ammessi: Per ogni vettura dovrà essere iscritto un equipaggio formato da due persone considerate tutte e due conduttori (1° e 2° conduttore) e quindi titolari di licenza di conduttore A, B, C e C Nazionale in corso di validità con licenza rilasciata dalla CSAI; i conduttori (1° e 2° conduttore) iscritti con vetture di gr. N oltre 2000 cc e di scaduta omologazione oltre 2000 cc. dovranno essere titolari almeno della licenza “C” Internazionale. Vetture ammesse: conformi alla prescrizione dell'All. J: Vetture di Produzione (Gr. N); Vetture Turismo (Gr. A) fino a 2000 cc; Vetture Kit Car fino a 1600 cc; Vetture di Formula Start; Vetture di scaduta omologazione indicate nell’art. 2.1.3 della NS 11.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 11 novembre 2006 - 1331 letture

In questo articolo si parla di sport