Sant’Agata Feltria: terzo week-end dedicato al tartufo

30/11/-0001 -
Nel terzo week-end della 22° edizione della Fiera Nazionale del tartufo bianco pregiato e dei prodotti agro-silvo-pastorali, la Pro loco di Sant’Agata Feltria, organizzatrice dell’evento, punto tutto sulle tipicità made in Italy.

da Pro loco di Sant’Agata Feltria


Una sezione, all’interno delle sale delle Scuderie, è interamente dedicata alla tipicità italiane con il pesto genovese di un’antica azienda artigianale, l’aceto balsamico di Modena, i prodotti campani con formaggi mozzarelle di bufala e fagioli di Sarconi, la faggiolina del Trasimeno, i pecorini sardi dai gusti e stagionature particolari come quella al fieno maggese, poi gli insaccati bolognesi e uno spazio alla carne di struzzo e pasta all’uovo del grande pennuto.

L'accurata selezione dei prodotti e delle specialità presenti in fiera sono garanzia di genuinità e freschezza e fanno della manifestazione di Sant’Agata Feltria, l'appuntamento autunnale più prestigioso del settore in Italia, grazie anche agli oltre 200 espositori. Ma la fiera è anche momento d’incontro per gustare le numerose specialità, a base di tartufo e funghi, tra le più raffinate e squisite della cucina nazionale ed internazionale.

Le vie, le piazze, gli angoli più caratteristici dell'incantevole borgo medioevale della cittadina, celebre per la sua maestosa rocca, a pochi passi dalla Toscana e Romagna e che si fregia del marchio "Città del Tartufo", si riempiono di odori inebrianti ed esaltanti, vera delizia per i buon gustai. Per tutta la durata della manifestazione si susseguiranno mostre di alto valore culturale. Diversificate occasioni di intrattenimento e spettacoli musicali, itineranti e di animazione per i più piccoli. Ogni fine settimana degustazioni di vini, con apertura delle cantine storiche e spazi espositivi dedicati all’enologia denominato ‘Giro di vino’.

Per le sue originali peculiarità, la Fiera della cittadina dell’alta Val Marecchia è stata immortalata e pubblicizzata attraverso diversi servizi televisivi e reportage realizzati dai alcuni programmi Rai come ‘Linea Verde’ e ‘Festa Italiana’ all’interno de ‘La Vita in Diretta’ (entrambe Rai Uno).

La grande rassegna fieristica prosegue fino all’ultima domenica di ottobre e richiama numerosi estimatori del prelibato e profumatissimo tubero. Ipnotizzati dal carisma della "trifola", le migliaia di visitatori troveranno anche quest'anno, accanto al celebre tubero, tutti i prodotti autunnali che questa generosa terra appenninica offre: funghi, castagne, miele, erbe officinali, prodotti della pastorizia e della agricoltura e, inoltre, manufatti dell'artigianato rurale ed artistico.

Spaio anche alla presentazioni di guide e volumi dedicati all’eno-gastronomia e a piatti e ricette tipiche. Previsti convegni, incontri, tavole rotonde e dissertazioni gastronomiche. Nei ristoranti e locande non mancheranno menù e piatti a base del pregiato tubero.

Infolinee: 0541/848022 o www.santagatainfiera.com





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 ottobre 2006 - 1001 letture

In questo articolo si parla di sant'agata feltria