Ancona: ''Dalle Ande agli Appennini'', seminario regionale sui rapporti intercul

30/11/-0001 -
Organizzato dall’assessorato ai Servizi scolastici ed educativi del Comune si svolgerà sabato 9 settembre presso il Liceo scientifico “Galilei”, con inizio alle ore 9, un seminario regionale sui rapporti interculturali.

dal Comune di Ancona
www.comune.ancona.it


Il titolo accattivante "Dalle Ande agli Appennini" suggerisce che la realtà da affrontare oggi è quella dell'immigrazione e che l'emigrazione appartiene invece a un tempo ormai remoto.

Il seminario rappresenta il momento conclusivo di un lungo e ricco percorso di formazione per 80 docenti delle 4 province marchigiane, svoltosi tra ottobre 2005 e maggio 2006.

Finanziato dalla Regione tramite il FSE e proposto dalla società SIDA, assieme ad altri partner tra cui il Comune di Ancona, il corso di formazione si è svolto in tre fasi : nella prima e nella seconda, oltre a diverse testimonianze significative, sono stati trattati i temi del pregiudizio, dell'antropologia culturale, della sociologia della comunicazione e della glottologia didattica.

Nella terza fase sono stati formati gruppi di lavoro per la costruzione di curricoli interculturali. Questo incontro, dedicato in particolare modo a come documentarsi, a come si costruisce una biblioteca interculturale, non è solo conclusivo di un percorso, ma -proprio perchè si svolge a pochi giorni dall'inizio del nuovo anno scolastico- rilancia il tema della convivenza tra le culture e dell'integrazione a partire dal mondo della scuola .

Interverranno: per il Comune l’assessore ai Servizi Scolastici Stefania Ragnetti e per la Regione Marche l’assessore Ugo Ascoli. Saranno inoltre presenti Flavio Guidi, fondatore del gruppo SIDA e –come relatori- Elisabetta Micciarelli dell’Ufficio Scolastico regionale, Lorenzo Luatti del Centro di Documentazione di Arezzo e Fr anco Lorenzoni della Casa Laboratorio Cenci di Amelia (TR)





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 settembre 2006 - 1093 letture

In questo articolo si parla di cultura, ancona