Fermo: Una vita per la ricerca

2' di lettura 30/11/-0001 -
Venerdì 8 settembre alle 18,30 nel palazzo dell’Università Politecnica delle Marche in via Brunforte 47 il professor Giuliano Ramadori, direttore della Clinica di Gastroenterologia ed Endocrinologia dell’Università di Göttingen terrà una conferenza dal titolo “Da Montegiorgio a Göttingen. Una vita per la ricerca di base applicata alla clinica”, organizzata dal Rotary Club di Porto San Giorgio con il patrocinio del Comune di Fermo e del Centro Alti Studi Europei.

dall'Università Politecnica delle Marche
www.univpm.it


La conferenza del Professor Ramadori, oltre che una testimonianza di vita da ricercatore e da medico, vuole essere una sottolineatura dell’importanza della ricerca nel campo della medicina per l’acquisizione di una metodo scientifico nell’approccio al malato con tutti i suoi disturbi.

Lo studio della medicina ha bisogno dell’approccio pratico che può derivare dall’esecuzione di una tesi di laurea fondata sulla ricerca, anche in un campo ristretto. Questo non solo insegna a usare regole di prova strettamente basate sull’empirismo, ma permette anche di sviluppare nuove idee e di scoprire nuovi metodi di prevenzione, di diagnosi e di cura delle malattie. Nella presentazione del professor Ramadori verranno appunto toccati alcuni di questi aspetti, con particolare riguardo ai meccanismi cellulari e molecolari dello sviluppo dell’infiammazione e del danno cellulare nel fegato che sono causa della cirrosi epatica con tutte le sue conseguenze. Patologie meno rare di quanto si pensi.

Il professor Ramadori si soffermerà in particolare sul metodo non chirurgico del trattamento delle conseguenze dell’ipertensione portale che segue lo sviluppo della cirrosi chiamato TIPS e sulla sua esperienza nel campo dei trapianti di fegato sia con donatore clinicamente morto che con donatore vivente nei casi più urgenti.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 settembre 2006 - 1132 letture

In questo articolo si parla di università politecnica delle marche, fermo





logoEV