Dalle Marche il contributo per aiutare il Libano

30/11/-0001 -
Coperte, materiale sanitario, farmaci, alimenti per bambini per un valore di 50 mila euro partiti domenica per Brindisi a bordo di un camion.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


Sulla Nave San Marco, salpata l’altra mattina dal porto di Brindisi e diretta in Libano con gli aiuti umanitari, c’era anche un po’ di Marche. La Protezione civile della Regione Marche, infatti, ha fornito il carico e organizzato il trasporto di materiali con un camion che domenica scorsa ha raggiunto il capoluogo pugliese portando farmaci, altri prodotti sanitari, coperte e generi alimentari.

I farmaci sono stati caricati su un aereo militare e partiti subito, mentre l’altro tipo di materiale è stato stipato sulla San Marco che arriverà sabato a Beirut con 500 tonnellate di solidarietà dall’Italia per le popolazioni libanesi.

In particolare, a bordo del camion della Protezione civile partito da Ancona, c’erano 600 coperte di lana, 3 pallet (piattaforme trasportabili) di materiali sanitari ( pannolini, garze, prodotti disinfettanti, siringhe, kit medici ecc.) e farmaci reperiti presso la farmacia dell’INRCA con cui la Regione è in convenzione per le emergenze. Inoltre, 5 pallet di generi alimentari misti e in maggiore quantità alimenti per l’infanzia ( biscotti, latte in polvere, omogeneizzati ecc.).

Tutto il carico, siglato Regione Marche, ha un valore complessivo di circa 50 mila euro, un contributo della Protezione civile regionale che, come sempre, è pronta alle richieste da parte del Dipartimento nazionale Protezione civile quando si tratta di emergenza e di dare aiuto. Le Marche, infatti, insieme ad altre quindici regioni italiane, hanno subito risposto all’appello del Dipartimento di offrire alcune tipologie di materiale di prima necessità che servirà ad alleviare i gravi disagi che sta vivendo la popolazione civile colpita dal conflitto.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 agosto 2006 - 896 letture

In questo articolo si parla di regione