Roberto Savi ha chiesto la grazia

30/11/-0001 -
L'ex poliziotto della Questura di Bologna, capo della banda della Uno Bianca, che ha seminato terrore con oltre 100 rapine tra Bologna, la Romagna e le Marche tra il 1987 e il 1994, ha chiesto la grazia al presidente Ciampi

di Michele Pinto
michele@vivere.marche.it


Nemmeno il suo avvocato difensore, Donatella De Girolamo, sapeva che Savi, che attualmente sta scontando l'ergastolo nel carcere di Opera (Milano) ha chiesto clemenza.
Pochi giorni fa la richiesta è arrivata al giudice di sorveglianza Guido Brambilla e da li' dovrebbe poi arrivare sul tavolo del ministro della Giustizia, Clemente Mastella, ed infine, ma ci vorranno alcuni mesi, al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Durissima la reazione del presidente della associazione delle vittime della Uno Bianca, Rosanna Zecchi: "Spero che non gliela diano, mi sembra di sognare: è una cosa vergognosa. Una persona che ha ucciso 24 persone, mi meraviglio che non si vergogni".

Diverso il parere del cappellano del carcere. "Si è reso conto di quello che ha fatto - ha spiegato - Sta cercando di confrontarsi con se stesso".





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 04 agosto 2006 - 1353 letture

In questo articolo si parla di cronaca, michele pinto, redazione