Macerata: Salvadei Brass in concerto a Villa Collio di S. Severino

2' di lettura 30/11/-0001 -
Lo splendido giardino di Villa Collio, a San Severino, apre le sue porte al “Terra di Teatri Festival 2006”. Domani, venerdì 4 agosto, ospita infatti uno degli appuntamenti della rassegna estiva promossa dalla Provincia di Macerata assieme all’Associazione Arena Sferisterio e ai Comuni aderenti.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.mc.it


Alle ore 21.30 (ingresso gratuito) si esibisce il “Salvadei Brass”, composto da qualificati strumentisti che fanno parte di prestigiose orchestre italiane.

Il concerto, su musiche di Mozart per la Massoneria, si lega allo Sferisterio Opera Festival perché il “Salvadei Brass” è una presenza stabile nella stagione lirica maceratese in qualità di Complesso di palcoscenico dell’Arena.

Ha preso parte ad alcuni fra gli allestimenti più importanti degli ultimi anni – come Traviata, Turandot, Nabucco, Carmen, Aida, eccetera – ed inoltre ha al suo attivo diverse tournèe concertistiche a livello nazionale.

Presenta la serata il M° Roberto Cognazzo; il complesso è formato da Michele Pancotto (tromba), Luca Giardini (tromba-flicorno), Alessandro Fraticelli (corno), Diego Copponi (trombone) ed Enrico Vissani (tuba). Il concerto si apre sulle note del “Flauto magico” e prosegue poi con altre arie del compositore salisburghese.

Il concerto

È legato al rapporto fra Mozart e la Massoneria. Nella sua nota di presentazione il M° Roberto Cognazzo, fra l’altro, scrive: “Dalla grande tournèe iniziata nel 1763 alla conclusione del viaggio in Italia, dieci anni più tardi, gli itinerari mozartiani sono costantemente segnati da presenze massoniche (…).

La fulminea diffusione internazionale della società iniziatica, che vede l’entusiastica adesione di nobiltà, intellettuali e artisti, fa sì che gli ambienti visitati da Mozart, durante i suoi viaggi, siano popolati da adepti (…). Così il compositore comincia ben presto a mettere in musica testi ispirati agli ideali liberomuratori (…).

Circondato da massoni, Mozart fu irresistibilmente attratto dal fascino della ritualità e dell’esoterismo, oltre che dalle tematiche fraterne ed egualitarie delle quali era convinto assertore (…). Ormai libero artista a Vienna, egli diventa del pari libero muratore: la sua vita massonica durerà sette anni nel corso dei quali il suo genio arricchirà il repertorio musicale massonico con indiscutibili capolavori.

Cantate, lieder, piccoli pezzi strumentali, oltre alla straordinaria Mauerische Trauermusik K477 che è un brano scritto per una particolare cerimonia”.

Villa Collio

È una delle dimore storiche più interessanti del maceratese. L’edificio originario, crollato col terremoto del 1799, era un Casino della famiglia Collio attribuito a Pietro da Cortona.

Nel 1812 Giambattista Collio volle ricostruire la villa sullo stesso sito e incaricò l’architetto-pittore Giuseppe Lucatelli, che la progettò in stile neopalladiano.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 03 agosto 2006 - 1744 letture

In questo articolo si parla di provincia di macerata, san severino marche, concerto





logoEV