Urbino: La caccia ai tesori dei Montefeltro e Malatesta

30/11/-0001 -
Parte il progetto turistico voluto dal Sistema Turistico Urbino e il Montefeltro



Un viaggio-gioco alla ricerca di segni antichi e misteriosi, armi e arti, questi sono gli ‘strumenti’ con cui la signoria dei Malatesta, nel riminese, e il Ducato dei Montefeltro si sono confrontate, si sono cimentate in tutti modi nell’esprimere le loro distinte identità e stabilire primati e supremazie.

Oggi sono alla base di un originale progetto di rilancio turistico, voluto e promosso dal Sistema Turistico Locale Urbino e il Montefeltro assieme alla Regione Emilia Romagna, Provincia di Rimini, Regione Marche, chiamato ‘la caccia ai tesori nelle terre malatestiane e del Montefeltro’.

Frutto felice di questo confronto è un patrimonio culturale e artistico di alto livello, di una densità e diffusione tale da aver pochi risconti in Italia. Le terre che appartengono alle due Signorie sono custodi di una infinità di grandi e piccoli tesori, sono il deposito vivo e affascinante di tanti ‘segni’, che rendono unico l’insieme di queste due regioni storiche.

La ‘caccia’ diventa così un viaggio e gioco, tra le mura di rocche e dei palazzi, nelle sale dei musei, nelle luminose cattedrali e nelle piccole e buie chiese, nei borghi fortificati, tra boschi e pietre antiche, dipinti, architetture, ceramiche, prodotti della terra, riti e leggende che riportano a simboli e significati a volte misteriosi.

Cercando queste tracce, con un minimo d’attenzione si ammirano in modo nuovo opere più famose e si scoprono quelle nascoste e spesso dimenticate. Il ‘gioco’ si articola in sezioni-percorsi adattati ai diversi tipi di fruizione, consiste nel conquistare punti attraverso l’individuazione di alcuni ‘segni’ nascosti nel territorio che si sta scoprendo attraverso un itinerario.

Il raggiungimento di determinati punteggi porta al conseguimento da parte del visitatore, entro la primavera 2007 data di scadenza della caccia, di interessanti e prestigiosi premi.

Le cacce si dividono in grandi e piccoli in base alla durata che va da un fine settimana a un’intera settimana. L’itinerario oltre ai monumenti porta alla scoperta di strutture ricettive, luoghi di acquisto e produzione di prodotti tipici e a tante altre unicità presenti nelle antiche terre dei Montefeltro e dei Malatesta.

Infolinee: Stl Urbino e il Montefeltro 0722. 320437





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 01 agosto 2006 - 1113 letture

In questo articolo si parla di urbino, montefeltro