Macerata: approvati gli indirizzi per l'asse stradale Val Potenza

30/11/-0001 -
Il Consiglio provinciale di Macerata, nell’ultima seduta tenuta prima della pausa estiva, ha approvato, con il voto favorevole della maggioranza consiliare, le due proposte della Giunta da tempo in preparazione: la costituzione della società per l’energia e gli indirizzi per la realizzazione del nuovo asse viario della Valle del Potenza.

dalla Provincia di Macerata
www.provincia.mc.it


La seduta, iniziata con le risposte ad alcune interrogazioni, è entrata nel vivo proprio con la discussione sulla deliberazione di costituzione della società provinciale per l’Energia srl, che - su proposta del presidente Silenzi - viene intitolata ad “Enrico Mattei”. Si tratta di una società a completo capitale pubblico che la Provincia andrà a costituire insieme ai Comuni che aderiranno (una dozzina hanno già espresso il loro interesse).

Essa si propone di essere uno “strumento attuativo del Piano energetico ambientale regionale”. In questo contesto la società, a norma di statuto, potrà svolgere anche funzioni di agenzia locale per l’energia nell’ambito dei programmi comunitari, oltre ad amministrazione e gestione della proprietà delle reti e degli impianti, anche per conto dei soci e di terzi.

Attraverso il diretto coinvolgimento dei Comuni – è stato detto – saranno le istituzioni del territorio a governare la politica energetica e, non meno importante, sarà lo stesso territorio maceratese ad appropriarsi, reinvestendoli localmente, dei frutti economici di tale gestione. L’operazione proposta dalla Provincia si inquadra nel più generale ruolo di “ente di governo d’area vasta” che la Provincia stessa deve svolgere e nello spirito di sussidiarietà a cui è improntato il rapporto tra enti istituzionali che operano su medesimi territori.

Con la società per l’energia, Comuni e Provincia potranno affrontare i temi della programmazione e del controllo dello sviluppo dell’energia sul territorio provinciale. Nella illustrazione della deliberazione è stato messo in evidenza come il settore del gas potrebbe essere il primo a venire affrontato dalla costituenda società, in quanto i Comuni entro il 31 dicembre del prossimo anno dovranno gestire un complesso percorso che consente loro il riscatto, per legge, delle concessioni in atto per il servizio di distribuzione del metano.

I partiti di opposizione, che durante il dibattito hanno espresso rilievi sulla proposta ed avevano chiesto un rinvio, al momento del voto sono usciti dall’aula e la deliberazione è stata approvata all’unanimità dai 16 consiglieri di maggioranza presenti. Successivamente, rientrati in aula i consiglieri di opposizione, il Consiglio ha approvato (15 favorevoli e 6 contrari) una delibera di variazione al bilancio di previsione pari a 4 milioni e 692 mila euro, che prevede il parziale utilizzo dell’avanzo di amministrazione del 2005. Tra le destinazioni, figurano 760 mila euro per interventi di edilizia scolastica ed acquisto di arredi scolastici, 3 milioni e 271 mila euro per opere di manutenzione straordinaria della rete stradale, 282 mila per manutenzione di opere idrauliche, 211 mila euro ad implementazione dei fondi Fse per la formazione professionale.

Ampia è stata infine la discussione sulla deliberazione proposta dalla Giunta contenente “indirizzi per la realizzazione del nuovo asse stradale della Val Potenza”. Pur essendo vasto il riconoscimento della necessità di migliorare la viabilità su quella vallata, le posizioni dei gruppi sono risultate variegate e al voto finale la deliberazione è stata approvata con 15 voti favorevoli (maggioranza) e 6 contrari (opposizioni). La deliberazione, come detto, costituisce un atto d’indirizzo in base al quale la Provincia è ora chiamata a procedere per attuare quella parte del “programma di governo” a suo tempo presentato ed approvato in sede di insediamento della Giunta che prevedeva – nell’ambito del potenziamento delle infrastrutture - la necessità di “affrontare il problema del miglioramento della strada Regina (ex SS 571), con un nuovo raccordo stradale con l’autostrada A14 e la vallata del Potenza, dove operano numerose ed importanti aziende”.

Con la deliberazione adottata, la Provincia può dare “avvio della procedura realizzativa del nuovo asse stradale della val Potenza da raccordarsi – si legge nelle delibera - con l’autostrada A14 in prossimità dell’attuale confluenza della strada “Regina” con la statale 16, nell’ambito di un nuovo casello autostradale”. L’atto approva anche l’ipotesi realizzativa del nuovo tracciato (da Villa Potenza fino alla confluenza con l’A14 ndr) il cui concreto percorso dovrà essere individuato in sede di studio progettuale anche attraverso un confronto con i Comuni territorialmente interessati.

Alla seduta ha preso parte, per la prima volta, il neo consigliere provinciale Roberto Spinelli, del gruppo Ds.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 26 luglio 2006 - 1095 letture

In questo articolo si parla di provincia di macerata