Incontro FS, vertice fruttuoso a Roma

30/11/-0001 -
Tirare le somme del lavoro svolto in questi mesi dalla Regione Marche e dal Gruppo FS per risolvere le più urgenti problematiche del trasporto ferroviario regionale è stato l’obiettivo della riunione che si è svolta a Roma presso la sede FS in P.zza della Croce Rossa.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


All’incontro di vertice erano presenti il Presidente Gian Mario Spacca e l’Assessore ai Trasporti della Regione Marche Pietro Marcolini con i tecnici del Servizio; il Presidente delle Ferrovie dello Stato Holding, Elio Catania, l’amministratore delegato di RFI Testore, il direttore della “Direzione Passeggeri Regionale” Laguzzi, il responsabile delle Ferrovie Real Estate Cicognani, il direttore interregionale Ripa, il direttore regionale Marche Teti e il responsabile delle relazioni istituzioni nazionali, Di Trapani.
Il Presidente Spacca ha considerato fruttuoso l’incontro, soprattutto per aver stabilito:

1) il ripristino sostanziale dell’Eurostar da dicembre (si sta lavorando per anticiparlo già ad ottobre) che cambierà nome, avrà nuove carrozze confortevoli, ridurrà i prezzi e rispetterà i tempi di prima, coprendo l’esigenza di un collegamento veloce con Roma in quell’orario strategico, grazie anche alla mobilitazione congiunta dei parlamentari marchigiani del centro-sinistra;

2) l’urgenza di ultimare le gallerie del Castellano e di Cattolica;

3) garantire la sicurezza nei cantieri delle ferrovie per scongiurare incidenti anche gravi sui luoghi di lavoro;

4) la necessità di una logistica integrata attraverso un’azione congiunta fra le Ferrovie con le infrastrutture di Porto, Aeroporto e Interporto delle Marche.

L’assessore Marcolini ha poi approfondito le seguenti questioni sul tavolo.
Il collegamento Eurostar per e da Roma con orario 11.40 (partenza da Ancona) e 19.30 (ritorno da Roma) sarà ripristinato con lieve diminuzione di prezzo, a partire da dicembre e se possibile, già da questo ottobre con carrozze UCX (nuovissime, disegnate da Giugiaro) con locomotiva E464. A regime sarà anche possibile contare sul treno Minuetto.

Per i lavori della Galleria del Castellano, come da impegni assunti, si sono avute assicurazioni dell’inizio lavori per il 2007 (gara in corso) e dell’accelerazione dei lavori per la galleria di Cattolica il cui completamento è previsto per i primi mesi del 2009.

Per i rapporti con RFI è stata sottolineata la particolare importanza che riveste la verifica della sicurezza e delle condizioni di lavoro sulla rete ferroviaria: ancora una volta Spacca ha espresso viva preoccupazione per gli incidenti mortali verificatisi all’interno dei cantieri, chiedendo come avvenuto per Trenitalia, anche per RFI, l’inserimento a breve di nuovo personale per consentire più turni e migliori condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Si è sottolineata l’importanza, per la circolazione, dell’esecuzione dei lavori per l’eliminazione dei passaggi a livello, soprattutto per gli insediamenti locali di Civitanova Marche e San Benedetto del Tronto e per l’appalto a Montecosaro e Macerata.

Per la questione “Museo Ferroviario ex-squadra Rialzo” la Regione aveva chiesto condizioni maggiormente vantaggiose per l’Amministrazione Comunale, in considerazione del valore culturale di tale iniziativa. RFI si è dimostrata sensibile alle richieste.

Scongiurato anche il pericolo di demolizione degli Elettrotreni storici (ETR302 Settebello, ETR242, ETR401), per i quali l’Assessore Marcolini aveva esplicitamente richiesto che non venissero assegnati ad altra sede: rimarranno nelle Marche e saranno recuperati come mezzi storici.

Relativamente alle stazioni si registra la collaborazione di RFI con la Regione che sta effettuando sopralluoghi nelle piccole stazioni, che restano impresenziate ma non devono essere abbandonate. La Regione Marche sta verificando puntualmente le condizioni delle stazioni minori al fine di coinvolgere le Amministrazioni locali nella gestione degli spazi dismessi e/o in disuso: resta inteso che laddove tali accordi non vengano raggiunti la RFI non potrà e non dovrà lasciare in stato di abbandono le aree in questione.

Molto positivi i risultati relativamente a Personale. Infatti sono stati assunti 28 macchinisti e 9 capotreni e ne sono trasferiti da altre sedi 19 macchinisti e 12 capotreni; per un totale di
· 47 macchinisti
· 21 capotreni

Affinché sia risolta del tutto la questione della sostituzione per ferie, che annualmente determina la soppressione di numerose corse, bisognerà aspettare che il personale di nuova assunzione maturi l’esperienza necessaria per la conduzione dei rotabili.

Buoni risultati anche per le neo assunzioni e/o trasferimenti relativi il polo manutentivo di Ancona: fino ad aprile sono stati acquisiti 29 operai e 1 ingegnere.

Rispetto agli impegni assunti ad aprile per il materiale rotabile, Trenitalia dovrà, a settembre, registrare l’ulteriore dismissione di 1 Ale 601 e l’immissione di altri 6 complessi 464 con 4PR. Il parco rotabili della Direzione Regionale Marche, ma che circola anche in Umbria e Abruzzo, è ad oggi costituito, grazie al lavoro di questi mesi, da
· 29 automotrici Aln 668
· 6 complessi Ale 841
· 3 complessi Ale 603 ( Ale 601 completamente ristrutturati)
· 2 complessi Ale 724
· 3 complessi Ale 601 non ristrutturati
· 16 locomotori E 464
· 19 locomotori E 656
· 14 locomotori E 646
· 11 locomotori E 424
· 63 carrozze Piano Ribassato per 16 convogli
· 127 carrozze Media Distanza per 14 convogli

Di questi a giugno sono stati immessi in esercizio:
· 5 locomotori E 464
· 2 complessi da 4 carrozze a Piano Ribassato
Contemporaneamente sono stati dismessi 2 complessi Ale 601. Ne rimangono in esercizio ancora 3.
Rispetto agli impegni assunti ad aprile, Trenitalia dovrà, a settembre, registrare l’ulteriore dismissione di 1 Ale 601.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 20 luglio 2006 - 1443 letture

In questo articolo si parla di trasporti, regione, trenitalia