Nuova corsa ferroviaria Ascoli - Ancona

30/11/-0001 -
L’assessore Pietro Marcolini ha incontrato in Regione, alla presenza del vicepresidente Luciano Agostini e dell’assessore ai trasporti della Provincia di Ascoli Ubaldo Maroni, i rappresentanti di Federconsumatori Marche (Chiacchierini), Cittadinanzattiva (Ceccarelli), Movimento Pendolari dell’Adriatico (Strozzieri) e Assortenti UTP (Bruno).

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


Obiettivo: informare i cittadini-utenti sui nuovi e positivi aspetti dell’entrata in vigore della tratta Ascoli-Ancona e preparare l’incontro del 6 luglio prossimo con Trenitalia e RFI per avviare alla conclusione la vertenza ferrovie, per cui l’assessorato regionale ai Trasporti si batte da tempo.

Parimenti sarà affrontata la questione della messa in sicurezza dei cantieri ferroviari dove si sono verificati incidenti anche mortali di recente e dove è necessario – ha detto Marcolini - operare turnazioni maggiori e garantire distanze di sicurezza dal traffico attivo.

E’ stata espressa soddisfazione per la risposta data alla “prima emergenza avvertita in assoluto dai pendolari per il cpaoluogo – come ha detto Maroni – Cioè avere una corsa specifica doppia, che colleghi Ascoli ad Ancona e viceversa con questo orario: partenza da Ascoli ore 6.48; arrivo ad Ancona 8,35. Ritorno da Ancona ore 14,16 e arrivo ad Ascoli alle 16,30. L’orario ideale, come concertato con tutti i rappresentanti dell’utenza”.

Marcolini ha sottolineato il successo dell’impegno regionale ed anche l’onere non trascurabile che la Regione si troverà ad affrontare.

Il vicepresidente Agostini ha sottolineato l’importanza strategica di tale collegamento Nord-Sud sia per il tratto costiero e dell’entroterra che copre, utile ai pendolari, agli studenti e ai lavoratori in genere ma anche, per tutto il periodo, della valenza turistica e quindi economica che costituisce un’opportunità in più per le Marche di collegamento ferroviario cui si spera presto di aggiungere di nuovo quello degli Eurostar. Trenitalia – ha ricordato Agostini – non può esimersi dall’impegno rimpallando la questione fra problemi nazionali e locali: per la Regione l’interlocutore è e deve rimanere unico”.

Marcolini ha poi ricordato l’altra questione risolta sul tavolo relativa alla modernizzazione del materiale rotabile: l’acquisto dei 4 locomotori “Minuetto” per un costo complessivo di 14 milioni di euro di cui 7 a carico della Regione. Nel giro di due anni saranno tutti impiegati sulle linee a pieno regime.

Preoccupazione invece è stata espressa – e sarà ribadita con forza all’incontro a Roma del 6 luglio – per la mancata risposta al ripristino dei due eurostar di mezza mattinata “sopressi in silenzio e ingiustificatamente da Trenitalia” ha detto l’assessore.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 04 luglio 2006 - 1067 letture

In questo articolo si parla di regione