Cupra Marittima: 27 maggio-3 giugno, IV Festa Nazionale del Pane

30/11/-0001 -
Per il quarto anno consecutivo, i fornai di tutta Italia apriranno le porte dei loro panifici per la Festa Nazionale del Pane, che nei tre anni scorsi ha riscosso un notevole successo, consolidando il rapporto con i consumatori, promuovendo il pane come base di una sana alimentazione mediterranea e quale simbolo di solidarietà e chiedendo un quadro normativo che tuteli il pane fresco e l’azienda che lo produce.



Quest’anno la manifestazione indetta dalla Federazione Italiana Panificatori con il patrocinio del Senato della Repubblica e della Presidenza del Consiglio è dedicata idealmente alle donne e ha come social sponsor la Lega del Filo d’Oro.

L’Associazione Panificatori di Ascoli Piceno organizza, insieme con l’Amministrazione Comunale e la Pro Loco di Cupra Marittima “C’era una volta il pane con...”, manifestazione legata ai bambini che si terrà nei week end del 27-28 maggio e del 3-4 giugno. Il primo sabato, presso il Cinema Margherita dalle 8,30 alle 12,30, andranno in scena lo spettacolo teatrale “Il pane del re”, il cartoon “Poldo e Pansiel” e verrà presentato il libro “Quattro storie birichine”, alla presenza degli scolari di Cupra e Massignano che hanno partecipato al corso di educazione alimentare “C’era una volta il pane” e dei due sindaci. Domenica dalle 17 alle 20, degustazione di pane e cioccolata sul Lungomare Romita. Sabato 3, dalle 15 alle 20 esposizione di macchine d’epoca per la trebbiatura e la macinazione, la manifestazione aquilonistica nazionale “Volando sopra Cupra” e “Le mani in pasta”: ragazzi e maestri fornai prepareranno insieme i pani tipici. Domenica 4, dalle 9 alle 20 stand di produzione del pane e di tipicità, visite ai siti archeologici della zona, musica con la Lupo Alberto’s Band, raduno di auto e moto d’epoca, esposizioni di maestri fornai dell’Apa, di opere artistiche culinarie e della panificazione realizzate da campioni del mondo e di sculture di ghiaccio del maestro Mauro Michetti. Tutte le specialità dei maestri fornai dell’Apa potranno essere degustate con un’offerta a favore dei bambini della Lega del Filo d’Oro di Osimo.

Vogliamo far ‘tornare di moda’ il consumo del pane. E vogliamo porre l’accento sull’esigenza di migliorare l’informazione del consumatore, sin dall’infanzia, affinché comprenda il valore di questo alimento e sappia se sta acquistando pane fresco da chi lo produce o un prodotto conservato e scongelato da un commerciante” osserva il presidente dell’Associazione Panificatori di Ascoli, Settimio Tassotti.
Oggi il pane si produce in mille forme, destinate a soddisfare i gusti più raffinati e delicati dei consumatori, tanto che secondo una recente indagine Doxa sugli stili di vita dei giovani consumatori risulta che nel nostro Paese per l’87% di bambini e adolescenti il consumo di pane è un’abitudine quotidiana” aggiunge il presidente della Federazione, Edvino Jerian. “Da qui la nostra richiesta di un nuovo quadro legislativo che renda obbligatorie indicazioni più precise sull’origine e sulle modalità di preparazione del pane e che riservi la denominazione di panificio all’azienda che produce il pane dall’inizio alla fine, affinché il consumatore sappia se sta acquistando un prodotto fresco da colui che lo produce o un prodotto conservato da un commerciante che si limita a cuocerlo”.

Una bella opportunità per promuovere l’attenzione verso i sordociechi e far conoscere meglio scopi e attività della nostra associazione” dice il segretario generale della Lega del Filo d’Oro Rossano Bartoli, che opera da 42 anni nella assistenza ai più sfortunati mediante la riabilitazione, educazione, assistenza alle persone sordocieche e pluriminorate sensoriali. “Già nel ’92, grazie alla Fippa, avevamo potuto distribuire il nostro materiale promozionale nei punti vendita di molti panificatori in tutta Italia con la campagna ‘Pane & vita’: avevamo avuto successo ma allora non c’era l’occasione di un potente amplificatore come la Festa”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 maggio 2006 - 1749 letture

In questo articolo si parla di cupra marittima