Menichetti resta direttore generale della Asur ma resta indagato

30/11/-0001 -
Paolo Menichetti resta a capo dell'Azienda sanitaria unica regionale. Lo ha deciso il Gip Francesca Grassi che ha respinto l'istanza presentata dal procuratore capo Vincenzo Luzi e dal suo sostituto Stefania Ciccioli che chiedevano invece una sposensione dall'incarico per il manager.



Il caso è quello ampiamente noto che vede Menichetti indagato per la turbativa d'asta nell'appalto di manutenzione della cittadella sanitaria di Torrette, poi annullato.

A "salvare" il dirigente, con ogni prpbabilità è stata la decisione da parte dello stesso, di astenersi dal seguire il nuovo iter avviato per la nuova assegnazione dell'appalto, venendo così a cadere il rischio della reiterazione di reato.

Menichetti, se ha salvato il "posto", resta comunque indagato con pesanti accuse a suo carico intervenute nella turbativa d'asta dell'appalto da 100 milioni di euro di Global Service per "aver suggerito alla commissione giudicatrice di rivedere i parametri che avevano portato ad una prima escusione di cinque delle sette ditte in lizza.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 maggio 2006 - 1335 letture

In questo articolo si parla di penelope pitti, redazione