Numana: 25enne osimano muore nello schianto contro la cabina dell'Enel

30/11/-0001 -
Forse un malore improvviso, poi lo schianto: Si è spenta così la vita del giovanissimo Fabrizio Cantori, assicuratore osimano di appena 25 anni.

di Michela Sbaffo


Si schianta con la sua Toyota Corolle contro una cabina dell’Enel e muore nell’impatto. Si è spenta così tragicamente la vita del giovanissimo assicuratore osimano.

Stava procedendo lungo la via Marina II, all’altezza del Santa Cristiana in località Marcelli di Numana quando, per motivi ancora non chiari, anche se l’ipotesi più accreditata al momento è quella di un malore improvviso, la macchina senza più controllo è uscita di strada ed è finita sul campo impattando contro la cabina di cemento dopo un tragitto di circa una ventina di metri. Nessun segno di frenata.

Un forte boato e l’improvvisa interruzione della luce hanno messo in allarme i residenti della zona. Allertati immediatamente i soccorsi: anche l’elioambulanza ha raggiunto il luogo dell’incidente ma ormai non vi era più nulla da fare, se non estrarre con fatica il corpo del giovane dalle lamiere della macchina. I Vigili del Fuoco hanno dovuto lavorare due ore per tirare fuori Fabrizio: sulla sua vettura erano infatti collassate le macerie della cabina, cemento e polvere, che hanno sepolto il ragazzo.

Fabrizio Cantori era il figlio di Osvaldo Cantori, noto commerciante, e abitava a Osimo con la madre, due fratelli e una sorella. Dopo essersi laureato alla Facoltà di Economia e Commercio di Ancona era stato assunto presso la sede anconetana della Ina Assitalia: appena lo scorso lunedì gli era stata affidata la nuova filiale di Osimo.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 maggio 2006 - 1646 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione