Fabriano: Terre del Gentile, un progetto per la valorizzazione del Territorio

30/11/-0001 -
Placet all’unanimità assegnato dal Consiglio Comunitario al progetto promosso dalla Regione Marche-Assessorati alla Cultura e al Turismo “Terre del Gentile” di valorizzazione e gestione coordinata degli istituti culturali e dei servizi turistici del territorio dell’Alta Valle dell’Esino e che vede la Comunità Montana Esino Frasassi come soggetto attuatore.

dalla Comunità Montana dell’Esino-Frasassi


Un progetto pilota che è nato sulla scia del grande evento di Gentile da Fabriano che persegue lo scopo di dotare il territorio di servizi e di sperimentare un modello di gestione innovativo e riproducibile. Le misure che fanno parte delle “Terre del Gentile” saranno presentate al pubblico al pubblico a Fabriano giovedì 13 aprile alla presenza del Presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, dell’On. Francesco Merloni, degli assessori regionali Solari e Agostini e del Presidente della Comunità Montana Esino Frasassi Fabrizio Giuliani.

A ridosso dell’approvazione della variazione di Bilancio e del progetto “Terre del Gentile”avvenuta in Consiglio Comunitario, l’odierna riunione di Giunta della Comunità Montana dell’Esino Frasassi, procederà nel dire di sì a nuove importanti proposte. La prima concerne il “monitoraggio della Lepre Bruna e del Fagiano Comune nel Parco”, la seconda una ricerca entomologica sulla “Entomofauna – Ortotteroidei”.

Progetti che fanno seguito al gran successo di pubblico e totale adesione dei relatori al convegno organizzato dal Parco Naturale della Gola della Rossa e di Frasassi, tenuto al teatro comunale di Santa Maria del mercato a Serra San Quirico.

“Incontro di valenza internazionale ed elevato contenuto scientifico sullo status del nibbio reale e del nibbio bruno in Italia e in Europa meridionale” sono parole del vice presidente e assessore con delega al Parco, Vito Giuseppucci “che ha registrato un autorevole confronto sul tema della conservazione di due specie gravemente minacciate, da parte di numerosi esperti e studiosi del settore provenienti da ogni regione d’Italia ed anche dall’estero. Per le due le giornate di lavoro, il teatro di Serra ha annotato il tutto esaurito, come in passato per altri appuntamenti scientifici organizzati dal Parco, a testimonianza della curata organizzazione e dell’opportuna scelta dei temi da dibattere. Su questa linea di continuità – termina Giuseppucci - i progetti sulla Lepre Bruna ed il Fagiano Comune nel Parco e di ricerca sulla Entomofauna – Ortotteroidei”.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 marzo 2006 - 1128 letture

In questo articolo si parla di