vsnews: Solofra, per le aree edificabili l'Ici diventa pesante

30/11/-0001 -
Conto Ici pesante per i proprietari dei terreni che da un anno all’altro sono diventati aree edificabili. L’imposta da pagare alle casse comunali può infatti aumentare fino a dieci volte.

da Corrado Solofra-Mario Palommella
Commercialisti in Senigallia


Questa è la conseguenza della norma interpretativa contenuta nel collegato alla Finanziaria 2006.
Secondo la nuova disposizione, il terreno è da considerare comunque fabbricabile se può essere utilizzato a scopo edificatorio in base allo strumento urbanistico generale, indipendentemente dall’adozione di strumenti attuativi (piano di lottizzazione ecc.).
Il legislatore ha dunque modificato l’interpretazione che aveva fatto chiarezza sull’argomento e cioè quella dell’articolo 2, lettera b, del Dlgs 504/92, adottata dalla Corte di cassazione con la sentenza 21644/04, secondo la quale la presenza o meno del piano attuativo era legata alla natura dell’area edificabile classificata dal piano regolatore generale.
Infatti per le aree comprese nelle categorie C e D (decreto ministeriale 1444 del 2 aprile 1968) essendo nuove superfici, se si era in assenza di un piano di lottizzazione o di un piano particolareggiato l’edificabilità non era realizzabile e si dichiarvano come terreni agricoli.
E’ dunque possibile limitare le contestazioni Ici?
La norma interpretativa sulle aree edificabili legittima gli accertamenti dei Comuni per le annualità pregresse, se il proprietario ha dichiarato come agricolo un terreno che, secondo il collegato alla Finanziaria 2006, era da considerare fabbricabile.
In sostanza sono ancora soggette a recupero le ultime cinque annualità.
I contribuenti però possono giocare d’anticipo, ricorrendo al ravvedimento, prima di ricevere gli atti del Comune.
L’ultima annualità che può essere regolarizzata è il 2004.
A tal fine occorre presentare una dichiarazione integrativa, entro il 31 ottobre 2006, nella quale indicare il valore corretto del terreno. Occorre anche effettuare il versamento dell’imposta barrando la casella ravvedimento contenuta nel modello di conto corrente postale, maggiorata degli interessi legali (2,5%) e, in teoria, della sanzione ridotta (un quinto del minimo) del 20%, se si tratta di un’omessa presentazione di denuncia, o del 10% in caso di denuncia infedele.
Se invece, si vuole regolarizzare quanto versato per il 2005, basta effettuare un versamento integrativo, entro il termine della dichiarazione per il 2005, maggiorato degli interessi legali e della teorica sanzione ridotta del 6%.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 08 marzo 2006 - 3076 letture

In questo articolo si parla di

Leggi gli altri articoli della rubrica Videogiornale