Fattorie didattiche: consegnati gli attestati di frequenza al corso

30/11/-0001 -
Sono stati consegnati questa mattina nella sede dell’Assam di Ancona gli attestati di frequenza ai partecipanti al primo corso per operatori di fattorie didattiche, organizzato dall’assessorato regionale all’Agricoltura e dalla sezione Marche del WWF.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


La cerimonia si è svolta al termine del convegno “La multifunzionalità dell’impresa agricola per uno sviluppo rurale sostenibile” a cui ha collaborato anche la Riserva Ripa Bianca di Jesi.

Sono stati circa 160 coloro che hanno partecipato al corso, che si è svolto da novembre 2005 a gennaio 2006 in quattro diverse sedi regionali: Pesaro, San Benedetto del Tronto, Macerata e Ancona. La maggior parte dei partecipanti sono titolari di fattorie didattiche ma numerosi sono anche stati i tecnici e gli studenti che hanno colto l’opportunità occupazionale offerta dal corso e che ora avranno le competenze per prestare la loro opera all’interno delle fattorie.

Nelle Marche esistono 73 fattorie didattiche, distribuite così per provincia: 19 a Pesaro-Urbino, 13 ad Ancona, 17 a Macerata e 24 ad Ascoli Piceno. La fattoria didattica è un’azienda agricola che alla normale attività produttiva associa anche attività di ricezione, ospitalità, attività culturale ed educativa rivolta principalmente ai ragazzi in età scolare.

Aziende, dunque, che producono e forniscono servizi. Aziende multifunzionali. E proprio come indicano le linee guida contenute nella recente riforma della Politica agricola comunitaria, “multifunzionalità” e “condizionalità” saranno le parole d’ordine nei prossimi anni, ossia, produzioni agricole “condizionate” dal rispetto dell’ambiente e reddito dell’azienda agricola legato a diverse attività, quali, appunto, la produzione agricola, la ricettività turistica, l’offerta gastronomica, le attività didattiche e culturali.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 03 marzo 2006 - 1688 letture

In questo articolo si parla di