Operaio confessa l'omicido del maceratese trovato morto

30/11/-0001 -
Ha confessato l'omicida del sessantenne trovato morto martedì sera nel maceratese.



Si tratta di un operario di origini salernitane ma residente a San Severino Marche che, secondo le prime indiscrezioni filtrate dopo l'interrogatorio, avrebbe agiro per gelosia.

Ad essere stato assassinato è stato Ramiro Morelli, sessantenne trovato morto martedì sera nel maceratese.

L'uomo, fermato nella notte, è stato subito arrestato in seguito alla confessione rilasciata. Agli inquirenti avrebbe dichiarato di aver agito per gelosia nei confronti di Morelli che avrebbe fatto delle avance alla badante ucraina della madre.

Il cadavere presentava, al momento del ritrovamento, due coltellate sferrate al petto ed era semi-carbonizzato.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 02 marzo 2006 - 1060 letture

In questo articolo si parla di