Le Marche del bio conquistano il Biofach

2' di lettura 30/11/-0001 -
Anche noi siamo OGM free! Questa, la simpatica iniziativa dei produttori biologici delle Marche presenti al Biofach 2006 di Norimberga, da alcuni anni riferimento internazionale per le produzioni biologiche certificate.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it


Tutti, infatti, esibivano, sul palmo della mano, un vero e proprio timbro che riportava la dicitura “Regione Marche-OGM Free”, marchio importante per chi ha fatto del biologico una filosofia di vita.

Dal 16 al 19 febbraio scorso, nello spazio espositivo messo a disposizione dalla Regione Marche, dieci produttori locali hanno così presentato la propria produzione agli operatori e alla stampa internazionale che, in particolare, ha fatto tappa presso lo stand il giorno 17 in occasione di “Voglia di Marche Bio”, evento all’insegna di salute, gusto e solidarietà, organizzato per la prima volta quest’anno, per dare spazio ai prodotti agro-alimentari più innovativi del biologico regionale.

L’incontro, un “food tastino” che ha visto la partecipazione di giornalisti provenienti da diverse nazioni europee, si è svolto in una scenografia cui hanno fatto da sfondo suggestive immagini del territorio proiettate su un grande monitor centrale, mentre si procedeva con la presentazione e degustazione di tutti i prodotti preparati con semplici ricette regionali.
La Fattoria Petrini ha, così, presentato il neonato “Petrini Plus” (olio extravergine di oliva biologico che favorisce l’assorbimento del calcio nelle ossa), l’azienda TerraBio-Sorgente e Prometeo due tipi di paste semi-integrali, rispettivamente di grano e di farro, la Mulini del Conero una nuova confezione di farine e semole biologiche per uso domestico e La Terra e il Cielo il “Caffè della Pace”, frutto di un progetto equosolidale con il Guatemala in collaborazione con il premio nobel Rigoberta Menciù.

Luana Spernanzoni (responsabile Biofach per la Regione Marche), nel saluto alla stampa ha tenuto a sottolineare come le Marche siano state tra le prime in Italia ad aver vietato gli OGM facendosi garanti della qualità dei propri prodotti, concetto poi ribadito da Frauke Weissang, vicepresidente AMAB (Associazione marchigiana per l’Agricoltura Biologica). Tra gli altri produttori partecipanti alla fiera: la Cooperativa Aurora e l’azienda Fiorano (produttori di vini biologici), l’oleificio Mario Cartechini, la cooperativa Campo, e l’azienda Agricola Serra di Mezzo.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 febbraio 2006 - 1213 letture

In questo articolo si parla di